cerca CERCA
Lunedì 06 Febbraio 2023
Aggiornato: 23:25
Temi caldi

Arte: David armato di fucile, pubblicita' gia' ritirata e societa' Usa si scusa

14 marzo 2014 | 17.04
LETTURA: 2 minuti

La campagna pubblicitaria con l'immagine del David di Michelangelo armato di un fucile e' stata ritirata nell'estate 2013 da parte della societa' americana ArmaLite Inc. (Illinois). Lo rende noto Cristina Acidini, soprintendente del Polo Museale di Firenze, sulla base di ''attendibili fonti italiane e statunitensi'', dopo che nei giorni scorsi ''L'Espresso'' ne aveva rilanciato una riproduzione scatenando un vespaio di polemiche, con l'intervento anche del ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini.

Dopo che l'azienda americana ha cambiato di proprieta', il nuovo Ceo Mark Johnson, lo scorso 10 marzo, in seguito alle proteste provenienti dall'Italia culminate con la minaccia di azione legale da parte del governo italiano nei confronti dell'azienda statunitense, ha rilasciato la seguente dichiarazione: ''Credo che una pubblicita' che utilizza una foto alterata di un capolavoro come il David sia di cattivo gusto. Siamo profondamente rammaricati che ArmaLite abbia offeso qualcuno con questa campagna sui media, che abbiamo interrotto dopo aver acquistato la compagnia. Faremo ogni sforzo per essere sicuri che qualsiasi residuo della campagna sia rimosso dalla fruizione pubblica''.

Commenta la soprintendente Acidini: ''Mentre sono da apprezzare sia il comportamento della nuova compagnia proprietaria, sia le dichiarazioni del Ceo Mark Johnson, spiace che uno di quei 'residui' - tenacemente incorporato, come tante altri elementi indesiderati o obsoleti, nella memoria della rete globale - sia stato presentato come un fatto d'attualità, ottenendo ampi spazi sui media''.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza