cerca CERCA
Sabato 13 Agosto 2022
Aggiornato: 13:00
Temi caldi

Comunicato stampa

Assistenza legale per franchising: le recensioni degli utenti votano Studio Legale Adamo a Bologna

14 marzo 2022 | 11.37
LETTURA: 6 minuti

Bologna, 14 Marzo 2022. Il franchising è la forma contrattuale che prevede l’affiliazione commerciale tra un “franchisor”, l’imprenditore fondatore di un modello di business consolidato, e di imprenditori “franchisee”, affiliati a cui vengono trasferiti i diritti d’uso del marchio, del logo, del design, dell’idea commerciale e i diritti di distribuzione di prodotti e servizi.

L’idea nasce per dare modo a entrambi i player di beneficiare dell’affiliazione: il franchisor potrà contare su una rete di distribuzione più solida e aumentare la forza del brand, mentre il franchisee potrà entrare nel mercato con un rischio d’impresa - in linea teorica - più basso rispetto a un’attività in proprio.

Una modalità di fare impresa ormai molto popolare e, sulla carta, un modello win-win, che conta in Europa, secondo un noto portale di franchising, circa diecimila aziende a farne parte, e solo in Italia più di un migliaio, secondo l'Associazione Italiana del Franchising.

Quali insidie nascondono i franchising?

La realtà dei fatti è, spesso e purtroppo, ben diversa dalle aspettative su questo sistema, che sembrerebbe presentare soli benefici.

Dietro l’angolo infatti vi sono condotte abusive che si verificano nell’essenza del franchising e che possono coinvolgere in misure più o meno gravi sia affiliante che affiliato. Quest’ultimo, ad esempio, può trovarsi a subire problematiche finanziarie importanti a causa di rapporti di forza contrattuali che giocano a suo svantaggio, senza avere gli strumenti giusti per affrontarli: l’obbligo di acquistare merci a costi svantaggiosi o in quantità predeterminate, l’obbligo di applicare scontistiche, oppure l’intercettazione della clientela del franchisee da parte del franchisor tramite violazioni di esclusiva, o con la vendita on-line.

Il franchisee dalla sua, può arrivare a subire una svariata serie di illeciti e inadempimenti del franchisee: pensiamo ad esempio a cosa succede quando il franchisee commercializza beni e servizi in concorrenza con quelli forniti dal franchisor. Oppure quando l’affiliato continua a usare il marchio del franchisor anche dopo lo scioglimento del contratto.

L’insidia più ricorrente nell’ambito del rapporto di franchising è quella della concorrenza sleale, ovvero la violazione delle regole di concorrenza che Franchisor e Franchisee si sono dati nel contratto, o comunque di quelle che implicano doveri di correttezza tra le imprese. Ma non è l’unica.

Condotte abusive nei franchising: un caso di cronaca

Il 18 dicembre 2021 l’Autorità ha deliberato l’avvio dell’istruttoria su un noto franchising di negozi di abbigliamento avendo ritenuto che vi sia in essere uno squilibrio eccessivo nei rapporti tra affiliato e affilianti.

In sostanza, gli impegni economici e gli oneri che gravano in capo agli affiliati sono talmente gravosi da rendere quasi impossibile ricercare sul mercato alternative commerciali soddisfacenti.

Secondo l’AGCM ”Il brand si garantisce contrattualmente la possibilità di fissare unilateralmente regole che irrigidiscono la struttura aziendale del franchisee tanto da ostacolarne, se non impedirne, un’eventuale riconversione“.

Le condotte abusive messe in essere dal franchisor in questo caso sono:

● l’obbligo, imposto all’affiliato, di adesione a promozioni e prezzi di vendita fissati unilateralmente;

● i prodotti da acquistare obbligatoriamente e le regole sul riassortimento automatico;

● il divieto di effettuare campagne promozionali autonome da parte dell’affiliato;

● condotte abusive durante l’esecuzione del contratto, che hanno ridotto la capacità di operare dei franchisee;

Questo è solo uno dei tanti casi di condotta abusiva che si verificano nei franchising. Generalmente, come nel caso appena visto, la parte che subisce maggiormente il peso delle condotte gravose è quella del franchisee, che si trova a subire una serie condizioni contrattuali svantaggiose. Da qui, la necessità di capire come risolvere i contenziosi col franchisor o di sapere se è possibile recedere dal contratto di franchising.

Come risolvere i contenziosi legati al franchising?

Sia il Franchisor che il Franchisee possono difendersi dalla concorrenza sleale - e dagli altri contenziosi legati al franchising - esclusivamente tramite l’assistenza di legali esperti in materia.

La prima cosa che un affiliato dovrebbe fare, ad esempio, è sottoporre il contratto a un Avvocato esperto in franchising, e quindi in grado di individuare le clausole potenzialmente più pericolose, prima di firmare.

Del caso visto prima del franchising di abbigliamento se ne è occupato il team dello Studio Legale Adamo di Bologna, costituito dagli Avvocati Giovanni Adamo e Michela Fusco, insieme agli Avvocati Carlo Berti e Betty De Paola, che ha assistito numerosi ex affiliati alla nota catena in merito alla segnalazione situazione di condotte abusive e di dipendenza economica sopra descritta.

L’azione legale è stata portata avanti all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato che ha deliberato l’avvio dell’istruttoria, deliberando inoltre che che il procedimento si concluda entro il 31 dicembre 2022.

Studio Legale Adamo: le recensioni degli utenti

Studio Legale Adamo opera in tema di franchising dal 2004 con una quindicina di Professionisti, con sedi a Bologna, Catania e Roma.

Per quanto riguarda il dipartimento franchising, lo studio ha rilevanza a livello nazionale: l’Avv. Giovanni Adamo, il fondatore, si posiziona tra i primi commentatori in Italia della legge.129/2004 sul franchising. Sempre l’Avv. Giovanni Adamo ha ottenuto inoltre sentenze favorevoli sui primi tre casi giudiziari in Italia in materia di franchising dopo l’entrata in vigore della legge sopra citata, pronunciati dal Tribunale di Venezia nel 2007 e nel 2009. È proprio Studio Legale Adamo ad aver dunque contribuito massivamente alla creazione di un primo vero e proprio orientamento giurisprudenziale in Italia.

Riportiamo dunque qui di seguito, le recensioni pubblicate su Google in maniera autonoma dai clienti dello studio e certificate dallo stesso motore di ricerca, facilmente accessibili a chiunque volesse verificarne l’autenticità:

“L'avvocato Adamo e il suo team sono persone estremamente gentili professionali, ad ogni domanda dubbio o chiarimento mi hanno sempre risposto in tempi brevissimi! Per il momento non posso che dare 5 stelle! Nonostante il percorso di mediazione non si sia ancora concluso sono estremamente fiducioso nel lavoro dell'avvocato Adamo e dei suoi collaboratori che il tutto si concluderà nei migliori dei modi.”

“Revo disinfestazioni e pulizie” di Manuel Rubini

“Ho conosciuto l'Avvocato Adamo, grazie a un amico in quanto avevo bisogno di una consulenza legale. Mai avrei pensato di trovare una persona più competente e affidabile, secondo me uno tra i migliori in materia di Franchising. Sin da subito ha capito quali erano le mie richieste. Sempre disponibile, sempre pronto a chiarire ogni dubbio. Una garanzia che ha portato me e i miei soci ad affrontare una causa estenuante, che credo nessun avvocato avrebbe mai intrapreso, vista la complessità e visto contro chi si andava a scontrare.

La sua competenza, il suo carattere, la tenacia e la sua onestà, hanno permesso tutto questo.

Consiglio al 100% di recarvi da lui perché, indipendentemente dal problema, oltre a trovare una soluzione sarà in grado di mettervi a vostro agio.”

Carmine Barricelli

“I punti di forza dello studio Adamo sono sicuramente la professionalità, la competenza, la gentilezza e la grande disponibilità nell'aiutare, anche oltre il dovuto, clienti come me in grande difficoltà. Lo consiglio vivamente a chiunque abbia problemi di loro competenza al fine di avere la massima tranquillità riguardo la tutela dei propri interessi.”

Massimo Migliaccio

“Giovanni Adamo e il suo team hanno sia una profonda conoscenza della legge che una vasta esperienza. Nel mio caso abbiamo vinto una controversia nello spazio di franchising di biciclette elettriche al dettaglio locale dimostrando che il contratto era fatalmente viziato e non valido a causa dell'assenza del "know how" specifico del franchising richiesto dalla legge. [...] Il team è di supporto, le domande ricevono risposte rapide. Giovanni Adamo crea valore attraverso una combinazione di conoscenza tecnica della materia e un approccio creativo alla risoluzione dei problemi.”

John Dodds

Per chiunque necessiti di una consulenza esperta e di assistenza legale qualificata in tema di franchising è possibile reperire maggiori informazioni visitando la pagina dello Studio Legale Adamo a Bologna.

Responsabilità editoriale: TiLinko – Img Solutions srl per Spider-link

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza