cerca CERCA
Venerdì 14 Maggio 2021
Aggiornato: 11:56
Temi caldi

AstraZeneca a under 60, ok solo a uomini? Cosa dicono esperti

04 maggio 2021 | 11.15
LETTURA: 2 minuti

Viola e Andreoni: "Mantenere il limite di età nelle donne"

alternate text
(Afp)

Estendere i vaccini anti-Covid di AstraZeneca anche agli under 60. Questa l'intenzione del commissario straordinario per l’emergenza Covid, il generale Francesco Paolo Figliuolo. Il vaccino, dopo le news su rari casi di trombosi e dopo le valutazioni dell'Ema, è stato raccomandato dall'Aifa per i soggetti di età superiore ai 60 anni. Ma Figliuolo ha annunciato che ora si sta valutando di estendere il farmaco alla "classe di età inferiore ai 60", anche sulla base degli "studi più avanzati che ci sono in Gran Bretagna dove hanno finora utilizzato 21 milioni di vaccini". Secondo alcuni esperti l'estensione andrebbe però riservata solo agli uomini.

Leggi anche

In particolare Antonella Viola, immunologa dell'università di Padova, sui social ha suggerito di mantenere il limite di età nelle donne. "Il rischio di effetti collaterali gravi" di questo vaccino anti-Covid "è raro, ma è maggiore nelle donne giovani. D'altro canto, le donne giovani hanno un rischio inferiore agli uomini di sviluppare sintomi severi da Covid-19. Il rapporto rischi-benefici ci suggerisce quindi di vaccinare tutti gli uomini, anche con J&J, ma di tenere fermo il limite di età nelle donne. Basta con la medicina che non considera il nostro sesso", afferma.

Sulla stessa linea Massimo Andreoni, direttore scientifico della Società italiana di malattie infettive e tropicali (Simit) e primario di Infettivologia al Policlinico Tor Vergata di Roma. "Se si entrasse nell'ordine delle idee di vaccinare" contro Covid-19 "con AstraZeneca anche sotto i 60 anni, e io non sarei contrario, magari si potrebbero creare delle limitazioni che sono anche comprensibili", afferma ospite ad 'Agorà' su Rai3. Che tipo di limitazioni? "Si tenga conto che questi eventi eccezionali", le trombosi rare che sono state oggetto di valutazione da parte dell'Agenzia europea del farmaco Ema, "hanno riguardato sostanzialmente il genere femminile e quindi si potrebbe cercare di dare una spiegazione tecnica alle scelte che si fanno, cercando di farle capire alle persone".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza