cerca CERCA
Martedì 11 Maggio 2021
Aggiornato: 00:12
Temi caldi

Coronavirus

AstraZeneca, in Danimarca stop definitivo a vaccino

14 aprile 2021 | 12.46
LETTURA: 2 minuti

L'annuncio delle autorità sanitarie: "Epidemia covid sotto controllo, bastano Pfizer e Moderna per la campagna di vaccinazione"

alternate text
Fotogramma /Ipa

La Danimarca ferma AstraZeneca e cancella il vaccino dalla propria campagna per i rischi di trombosi legati alla somministrazione del farmaco. Lo hanno annunciato le autorità sanitarie del Paese. La decisione conferma e rafforza la sospensione provvisoria decisa l'11 marzo. Già da un mese, la campagna di vaccinazione nel paese procede solo con i prodotti di Pfizer e Moderna. "C'è un possibile collegamento tra casi estremamente rari" di trombosi e " il vaccino AstraZeneca. Questo, abbinato al fatto che l'epidemia di covid-19 attualmente in Danimarca è sotto controllo, che altri vaccini sono disponibili, hanno spinto l'autorità sanitaria danese a decidere di proseguire la campagna di vaccinazione senza il vaccino AstraZeneca", si legge in una nota. La Danimarca lascia aperto uno spiraglio: la decisione "non esclude la possibilità di reintrodurre il vaccino in una fase successiva se la situazione dovesse cambiare".

Leggi anche

"Sulla base dei risultati scientifici, la nostra valutazione complessiva è che ci sia un rischio reale di gravi effetti collaterali associati all'uso del vaccino per il Covid-19 di AstraZeneca. Abbiamo quindi deciso di rimuovere il vaccino dal nostro programma di vaccinazione ", ha commentato il direttore dell'Autorità sanitaria danese, Soren Brostrom.

"Nel bel mezzo di un'epidemia, è stata una decisione difficile continuare il nostro programma di vaccinazione senza un vaccino efficace e disponibile contro il Covid-19 - ha aggiunto -. Tuttavia, abbiamo altri vaccini a nostra disposizione e l'epidemia è attualmente sotto controllo. Inoltre abbiamo fatto molta strada verso la vaccinazione delle fasce di età più avanzata sulle quali la vaccinazione ha un enorme impatto potenziale sulla prevenzione dell'infezione".

La decisione arriva nel giorno in cui la Germania ha stabilito che i cittadini tedeschi di età inferiore ai 60 anni cui è stata somministrata una prima dose di vaccino AstraZeneca faranno il richiamo con un altro vaccino. A deciderlo sono stati i ministri della Salute federale e dei 16 stati tedeschi, che hanno scelto di far completare la vaccinazione a quella fascia di popolazione con Moderna o Pfizer Biontech. "La soluzione ideata offre una buona protezione", ha commentato il deputato bavarese Klaus Holetschek, che ha presieduto nella tarda giornata di ieri una riunione dei responsabili della Sanità. Gli altri due antidoti, ha aggiunto, "sono una buona alternativa "in particolare nella terza ondata". Solo in casi individuali e dopo una valutazione medica sui rischi legati al singolo caso AstraZeneca potrà essere usata per il richiamo per chi ha meno di 60 anni.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza