cerca CERCA
Mercoledì 26 Gennaio 2022
Aggiornato: 21:06
Temi caldi

Calcio: Atalanta ko con una magia di Pirlo, Juve a +10 sulla Roma

21 febbraio 2015 | 08.24
LETTURA: 3 minuti

I bianconeri battono 2-1 in rimonta i nerazzurri e salgono a quota 57 in classifica. A decidere la sfida in favore dei campioni d'Italia, apparsi comunque poco brillanti, una magia del loro 'regista' che si inventa un gol da quasi 30 metri allo scadere del primo tempo.

alternate text

La Juventus batte 2-1 in rimonta l'Atalanta e allunga a +10 sulla Roma seconda in classifica. A decidere la sfida in favore dei bianconeri, apparsi comunque poco brillanti, una magia di Andrea Pirlo che si inventa un gol da quasi 30 metri allo scadere del primo tempo. La squadra di Allegri sale a quota 57 in classifica e arriverà al confronto diretto con i giallorossi del prossimo 2 marzo con almeno 7 punti di vantaggio. Per la 'dea' terzo ko consecutivo e classifica che si fa sempre più deficitaria: 17esimo posto con solo tre punti di vantaggio sul Cagliari terz'ultimo.

In avvio di partita i bianconeri cercano di prendere in mano il match ma faticano a trovare sbocchi e passano anche in svantaggio al primo tiro in porta degli avversari al 25'. Su angolo battuto da Emanuelson, Migliaccio svetta di testa e batte Buffon. I campioni d'Italia sono bravi a reagire a a raddrizzare la partita negli ultimi minuti della prima frazione. Al 38' angolo di Pirlo per la testa di Bonucci, sul quale è bravissimo Sportiello a salvare di piede; dalla sua respinta nasce una mischia dalla quale esce vincitore Llorente che trova la prima rete del 2015. A pochi secondi dall'intervallo Pirlo mette la freccia, inventandosi un destro da 25 metri che s'infila tra palo e portiere.

Ad inizio ripresa la 'vecchia signora' prova a chiudere la partita ma al 9' l'estremo difensore atalantino si supera salvando la sua porta su un colpo di testa di Pogba imbeccato da un cross di Pereyra. Pochi minuti dopo i bianconeri reclamano invano un rigore per un fallo di Cigarini su Marchisio. Nell'ultima parte del match le due squadre calano fisicamente e non succede quasi nulla fino a due minuti dal novantesimo quando Migliaccio fa vedere le streghe alla Juventus andando vicino al pareggio ancora su colpo di testa che però stavolta finisce di poco fuori. Allegri e la sua squadra possono tirare un sospiro di sollievo e pensare alla sfida Champions con il Borussia Dortmund di martedì.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza