cerca CERCA
Domenica 27 Novembre 2022
Aggiornato: 00:06
Temi caldi

Como: lite in famiglia con roncola e gas, evitata strage a Brenna

27 dicembre 2014 | 12.32
LETTURA: 2 minuti

Un 45enne disoccupato e con problemi psichici di Brenna ha messo in fuga i familiari e minacciato di far saltare in aria una palazzina con il gas

alternate text
Veduta di Brenna (foto wikimedia)

Una lite in famiglia ha rischiato di degenerare in una strage la notte scorsa a Brenna, nella Brianza comasca. Intorno a mezzanotte e mezza, informano i carabinieri di Cantù, un quarantacinquenne, disoccupato e con problemi psichici, mentre era in casa con i familiari festeggiando Santo Stefano, ha avuto una crisi e ha iniziato a inveire contro i parenti, che non sono riusciti a calmarlo. L'uomo, anzi, ha afferrato una roncola e ha minacciato i parenti, che sono scappati, lasciandolo solo in casa.

Sono quindi accorsi i carabinieri di Mariano Comense e i Vigili del Fuoco di Cantù, insieme al personale del 118. I militari, avvicinandosi all'appartamento, hanno sentito un forte odore di gas: l'uomo aveva aperto il gas della cucina, minacciando di far saltare in aria l'intera palazzina. Evacuato lo stabile e interrotta la fornitura di gas centrale, i militari sono riusciti, non senza difficoltà, a far ragionare l'uomo, riportandolo alla calma e disarmandolo della roncola, che ancora teneva in mano.

I militati lo hanno finalmente convinto a farsi assistere dai paramedici, ma non appena l'uomo, uscendo dal condominio, ha visto la madre, una donna del 1940, si è divincolato dal personale che lo stava assistendo e si è lanciato contro la donna, colpendola con un forte pugno sul naso. La madre, trasportata all'ospedale Sant'Anna di Como, è stata medicata, mentre l'uomo è stato arrestato e portato in Caserma a Mariano Comense. A Brenna la calma è tornata intorno alle due di notte.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza