cerca CERCA
Giovedì 24 Giugno 2021
Aggiornato: 16:26
Temi caldi

Auto: arriva nuovo fondo per investire in vetture d'epoca

19 febbraio 2021 | 17.09
LETTURA: 2 minuti

alternate text

Si parla sempre più spesso di “opere d’arte” in riferimento alle auto storiche. L’investimento in questo settore ha prodotto negli ultimi cinque anni una crescita costante del 16% all’anno, con punte del 33% per modelli particolarmente rari e ricercati. Un fondo di diritto lussemburghese, nato su iniziativa del gruppo svizzero Hetica con sede a Zurigo, è già accessibile agli investitori ed a breve sarà anche possibile l’acquisto di certificati quotati alla Borsa di Francoforte. La “riserva” del fondo è conservata a Lugano in un avveniristico garage sottoposto a sorveglianza totale, climatizzazione e controllo dell’umidità. In questo “caveau” le auto classiche vengono custodite e mantenute in perfetta efficienza, nonché valorizzate e proposte in vendita al momento giusto anche attraverso aste internazionali.

Il Fondo si occupa di acquistare auto d'epoca da restaurare e valorizzare attraverso eventi promozionali di vario genere. Le attività promozionali comprendono eventi dedicati, partecipazione a concorsi di eleganza, rievocazioni storiche, partecipazione ad eventi educativi e scolastici, accordi con musei per mostre temporanee. Il prezzo di acquisto previsto di ciascuna vettura dovrà essere compreso tra 30.000 a 6 milioni di euro. I paesi di origine includono Europa (inclusi Regno Unito e Svizzera) e Nord America. Le auto saranno custodite in un parcheggio-caveau situato in Svizzera e riceveranno attività di manutenzione costante da personale altamente specializzato.

Il settore ha mostrato di non risentire delle fibrillazioni economiche provocate dai cambiamenti politico-sociali e dagli umori ondivaghi dei mercati finanziari. In Italia il volume d’affari correlato alle auto storiche viene valutato intorno ai 2,2 miliardi di euro, includendo anche acquisti e vendite, manutenzione e restauro, gare e raduni, e il conseguente turismo nazionale ed estero. Nel comitato tecnico del fondo sono presenti esperti del calibro di Cesare Fiorio, già direttore sportivo della Ferrari e vincitore di 18 titoli mondiali conquistati con Lancia e Fiat e Mariella Mengozzi, direttore del Museo dell’Auto di Torino.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza