cerca CERCA
Sabato 19 Giugno 2021
Aggiornato: 00:02
Temi caldi

Auto killer, convalidato il fermo del 17enne: era alla guida

03 giugno 2015 | 11.20
LETTURA: 4 minuti

"Ero terrorizzato, ho scambiato l'acceleratore per il freno". Così al gip il minore arrestato per l'incidente di Boccea (Guarda il video della cattura). Domani tocca al fratello. Il padre indagato per concorso in omicidio volontario

alternate text
Roma, il centro di via Virginia Agnelli (Foto Adnkronos)

E' stato convalidato il fermo del 17enne rom bloccato insieme al fratello, dopo una breve latitanza (guarda il video della cattura), per il tragico incidente di Boccea a Roma. Per il 19enne l'interrogatorio si terrà domani a Regina Coeli, mentre per il 17enne si è svolto nel Centro di Giustizia minorile di via Virginia Agnelli.

"Il gip ha convalidato il fermo e ha disposto la custodia cautelare in carcere - ha detto il difensore del ragazzino, l'avvocato Antonio Gugliotta - mantenendo la qualificazione giuridica del reato ipotizzato dal pm, ovvero omicidio volontario caratterizzato dal dolo eventuale. Il mio assistito ha risposto alle domande, le sue dichiarazioni collimano perfettamente quelle del padre: ha detto che erano in quattro in macchina, che guidava lui e che dietro c'erano il fratello e la sua convivente. In macchina c'era anche il padre".

A quanto riferito dal difensore, il ragazzino ha detto al magistrato di essersi "spaventato perché in una precedente occasione aveva preso le botte dalla polizia e pensava di prenderle anche questa volta visto che non aveva patente e assicurazione". "Era terrorizzato e per questo si è lanciato in questa folle corsa", ha aggiunto, spiegando che il 17enne "non ha saputo fornire una spiegazione logica al suo comportamento. Ha detto di essere impaurito e forse di aver toccato l'acceleratore invece del freno, ma questo non è chiaro, faremo una perizia. Ha raccontato anche che il fratello da dietro lo strattonava dicendogli di fermarsi, che gli gridava 'disgraziato', anzi bastardo, e che si voleva buttare dalla macchina".

Il ragazzo "ha anche spiegato che la macchina era la sua e che l'aveva comprata dieci giorni prima per 700 euro: era un catorcio, non poteva andare a 180 kmh". D'altra parte, "gli avevano già sequestrato un altro veicolo e forse temeva che gli sequestrassero anche questo". Il difensore ha poi riferito che il 17enne "ha un precedente ingresso qui (centro di prima accoglienza Virginia Agnelli) per un furtarello e delle denunce a piede libero".

A chi gli chiedeva se il minore si fosse reso conto di quanto fatto, Gugliotta ha risposto: "Non credo, il problema infatti è proprio questo. Faremo delle richieste soprattutto finalizzate ad accertare il grado di maturità del ragazzo", che, ha aggiunto, "oggi era terrorizzato e tremava". Il 17enne è però pentito. "Ha detto: chiedo perdono a queste persone. Era addolorato, dispiaciuto", ha assicurato il legale. Quanto ai giorni di fuga, i due fratelli "sono stati all'addiaccio - , ha raccontato l'avvocato - Lui ha detto di essere andato a piedi a Fregene e di avere vissuto nella macchia e di non avere mangiato".

Intanto la procura di Roma ha iscritto nel registro degli indagati proprio il padre dei due rom, ipotizzando per l'uomo il reato di concorso in omicidio volontario. A disporre il provvedimento è stato il procuratore aggiunto Pier Filippo Laviani. Attraverso il provvedimento, la procura cerca di identificare l'altro uomo che si è detto fosse nell'auto investitrice: non si sono raccolti infatti al momento sufficienti indizi per stabilire se questo misterioso personaggio fosse effettivamente a bordo della vettura oppure no.

E oggi tornano in piazza anche i comitati di quartiere. Alle 17.30 fuori della stazione metro di Battistini i residenti si ritroveranno per protestare contro il degrado e chiedere la chiusura dei campi rom di via Cesare Lombroso e via della Monachina. Una manifestazione alla quale è annunciata anche la partecipazione di Casapound e che fa salire la preoccupazione per l'ordine pubblico.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza