cerca CERCA
Giovedì 06 Ottobre 2022
Aggiornato: 00:06
Temi caldi

Autopsia sul corpo di Imane

26 marzo 2019 | 15.41
LETTURA: 2 minuti

I risultati arriveranno fra un mese, salvo proroghe. Solo al termine dell'esame autoptico potrà essere rilasciato il nulla osta per la sepoltura

alternate text
(Fotogramma)

E iniziata l’autopsia sul corpo di Imane Fadil, la testimone chiave dei processi Ruby, dopo che "anche i laboratori dell’Enea hanno escluso la presenza di tracce di radioattività nel corpo", spiega Mirko Mazzali, difensore della famiglia dell’ex modella morta per cause ancora da accertare lo scorso 1 marzo all’Humanitas di Rozzano, dopo un mese di agonia.

E' stato il fratello Tarek, che non ha rilasciato nessuna dichiarazione, a dover riconoscere la salma di Imane che con le sue rivelazioni ha portato alla luce le "cene eleganti" nella villa dell’ex premier Silvio Berlusconi. A eseguire l’esame è l’antomopatologo Cristina Cattaneo, presente anche Michelangelo Casali, consulente nominato dalla famiglia della 34enne. "L'autopsia serve per prendere gli organi che saranno analizzati successivamente, alcuni esami come quelli tossicologici necessitano di giorni per i risultati. Il termine è di un mese per avere i primi dati", salvo proroghe, sottolinea Mazzali. Solo al termine dell’esame autoptico potrà essere rilasciato il nulla osta per la sepoltura.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza