cerca CERCA
Domenica 26 Giugno 2022
Aggiornato: 00:02
Temi caldi

Autotrasporto: sindacati, urgente intervento anti-concorrenza Est Europa

21 marzo 2014 | 19.37
LETTURA: 2 minuti

''Serve un deciso intervento del Governo e di tutte le associazioni di rappresentanza del settore, nessuna esclusa, per contrastare la concorrenza selvaggia degli autotrasportatori dell'Est Europa e di quelli italiani delocalizzati così da salvaguardare i nostri lavoratori e mantenere le imprese nel nostro paese''. Lo chiedono unitariamente Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti per il settore del trasporto merci su strada, con particolare riferimento al cabotaggio ed al distacco transnazionale, spiegando che ''la situazione difficile che vive l'Italia rischia di determinare ulteriori danni, gravi e irreparabili, sotto il profilo sociale''.

''L'apertura alla concorrenza europea - scrivono le tre organizzazioni sindacali - attraverso direttive alquanto discutibili hanno determinato di fatto un dumping sociale particolarmente vessatorio per i lavoratori italiani con qualifica di autista di automezzi di trasporto merce coi i nostri lavoratori che rischiano ormai di non poter più lavorare, e non solo''.

Secondo Filt, Fit e Uilt ''le conseguenze sono pesanti per il sistema Paese, le stesse imprese usano impropriamente il distacco e pur di sopravvivere si rivolgono a società di intermediazione di manodopera dei paesi dell'est Europa oppure a trasferire l'Azienda su quei territori. Tale situazione è oltremodo negativa - denunciano infine le tre sigle sindacali di categoria - perché, come ovvio, indebolisce il nostro sistema di servizi, si perdono entrate fiscali e contributive, oltre a spingere le imprese ad alimentare il lavoro grigio e nero per abbassare sempre più le tariffe per reggere il mercato''.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza