cerca CERCA
Sabato 22 Gennaio 2022
Aggiornato: 17:45
Temi caldi

La lettera

Avicii si è suicidato?

26 aprile 2018 | 19.07
LETTURA: 2 minuti

alternate text
Il DJ Avicii e - FOTOGRAMMA

"Ha davvero lottato con i pensieri sul significato della vita, sulla felicità. Non poteva più andare avanti. Voleva trovare la pace. Tim non era fatto per la macchina da business in cui si è ritrovato; era un ragazzo sensibile che amava i suoi fan ma evitava i riflettori". Sono le parole che la famiglia di Tim Bergling, il DJ 28enne conosciuto da tutti come Avicii - trovato morto in Oman lo scorso 20 aprile - ha scritto in una lettera il cui testo è stato pubblicato sul sito della rivista 'Variety'.

"Il nostro amato Tim - si legge - era un cercatore, un'anima artistica fragile alla ricerca di risposte per domande esistenziali. Un perfezionista che ha viaggiato e lavorato duramente a un ritmo che lo ha portato ad uno stress estremo".

"Quando ha smesso di andare in tour (marzo 2016, ndr) voleva trovare un equilibrio nella vita per essere felice e poter fare ciò che amava di più: la musica", si legge ancora nella lettera, che si chiude con tutto l'amore da parte della sua famiglia. "Tim, ti ameremo e ci mancherai per sempre. Chi eri e la tua musica manterranno viva la tua memoria".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza