cerca CERCA
Lunedì 23 Maggio 2022
Aggiornato: 11:13
Temi caldi

Exploit M5S, trionfa a Roma e Torino. A Milano vince Sala

19 giugno 2016 | 07.42
LETTURA: 4 minuti

alternate text
Virginia Raggi (Afp) - AFP

Trionfo M5S a Roma e Torino. In base ai dati ufficiali del Viminale, quando mancano 3 sezioni, Virginia Raggi è il nuovo sindaco di Roma con il 67,17%, contro il 32,83% di Roberto Giachetti, candidato del centrosinistra.

"Ho chiamato Virginia Raggi per farle i complimenti e un in bocca al lupo" sono state le prime parole di Giachetti.

"Sarò il sindaco di tutti i romani, anche di quelli che non mi hanno votato - ha detto Raggi - perché questo deve fare un sindaco. Riporteremo legalità e trasparenza nelle istituzioni, dopo malgoverno e mafia capitale questi valori non li avevamo più: con noi torneranno centrali".

TORINO - Chiara Appendino è il nuovo sindaco di Torino con il 54,56%, il candidato del centrosinistra Piero Fassino ha ottenuto il 45,44%.

"E' giunto il nostro tempo" ha detto Appendino, che ha ricordato con "emozione e entusiasmo il grande cammino" fatto, un cammino "iniziato 5 anni fa quando oltre 20mila torinesi ci hanno permesso di entrare per la prima volta in Comune". "Ci siamo presentati così come siamo, così come sono - ha aggiunto Appendino che ha ringraziato il sindaco uscente Fassino - Tutti noi siamo Torino, la porta del Comune sarà sempre aperta. Sarò il sindaco di tutti".

"Mi pare evidente che l'elettorato di centrodestra ha fatto convergenza sull'Appendino. I dati sono inequivocabili, la stessa cosa avviene in tutte le città dove c'è stato un ballottaggio con il Movimento 5 Stelle" ha commentato Fassino.

MILANO - Giuseppe Sala, candidato sindaco per il centrosinistra, ha vinto con il 51,70%, mentre Stefano Parisi, candidato sindaco per il centrodestra, ha ottenuto il 48,30%.

"Ce l'abbiamo fatta!" ha scritto Sala su Facebook. "C'è molta gioia e ancor di più senso di responsabilità - le prime parole ai giornalisti - Da domani riprenderemo il nostro lavoro affinché a Milano possa diventare realtà tutto ciò che abbiamo promesso".

"Ho appena telefonato a Sala per congratularmi con lui e gli ho detto di fare bene il sindaco - ha dichiarato Parisi, appreso della sconfitta - Non faremo ostruzionismo, ma opposizione costruttiva per il futuro di Milano". Mentre al Comitato veniva applaudito, ha trovato lo spirito per scherzare: "Capisco il vostro entusiasmo, ma vi devo avvertire che abbiamo perso".

BOLOGNA - Il sindaco uscente del Pd Virginio Merola è stato riconfermato con il 54,64% mentre la candidata del centrodestra Lucia Borgonzoni ha ottenuto il 45,36%.

"Non è il momento delle polemiche ma di ragionare, c'è però un dato nazionale da cui è innegabile una debolezza del nostro partito. Credo che ci siano le condizioni per riprenderci, è nelle città che si gioca la democrazia del nostro Paese" ha dichiarato Merola. "E' un voto locale - ha aggiunto - però mi pare evidente che sia un segnale di debolezza del centrosinistra a livello nazionale. Bologna resta saldamente antifascista" e ''spero che da qui cominci il declino di una forza razzista come la Lega".

NAPOLI - Luigi de Magistris ha vinto con il 66,85%, contro il 33,15% di Gianni Lettieri.

"Ha vinto il popolo napoletano. Non è un voto di protesta, a Napoli ha vinto il voto per la rivoluzione governando - ha commentato de Magistris - Siamo l'unica, vera ed effettiva novità politica di queste elezioni amministrative. Da Napoli parte una grande spinta nel pensare che si possa governare una grande metropoli con le mani pulite". "Non c'è stato alcun travaso di voti dal Pd o da altri - ha scandito de Magistris - Abbiamo vinto contro il candidato ufficiale governativo del Partito democratico, contro il presidente del Consiglio schierato in campagna elettorale, contro il Movimento cinque stelle, contro Lettieri che ci lavorava da 5 anni, contro Berlusconi, Forza Italia e gran parte dell'informazione che si è schierata contro".

TRIESTE - Roberto Dipiazza è stato eletto sindaco di Trieste con il 52,63% (44.845 voti). Al ballottaggio, emerge dai dati della Regione Friuli Venezia Giulia, ha superato Roberto Cosolini che ha ricevuto 40.361 voti.

AFFLUENZA - L'affluenza definitiva alle elezioni amministrative si è fermata al 50,54%. E' quanto si legge sul sito del Viminale. Al primo turno era stata del 59,94%.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza