cerca CERCA
Lunedì 15 Agosto 2022
Aggiornato: 00:11
Temi caldi

Banca Popolare Sondrio, nel nuovo piano 550 mln dividendi al 2025

29 giugno 2022 | 09.45
LETTURA: 2 minuti

alternate text
- FOTOGRAMMA

Un utile netto in crescita a 323 milioni di euro nel 2025 e oltre 550 milioni di dividendi previsti nell'arco del piano. Sono alcuni degli obiettivi del piano industriale di Banca Popolare di Sondrio, il primo dopo la trasformazione dell'istituto da società cooperativa in società per azioni. Il margine di interesse è previsto toccare quota 667 milioni nel 2025, con una crescita media annua del 6%, mentre le commissioni nette aumenteranno mediamente del 5,5% a 443 milioni. L'istituto valtellinese punta a dare una nuova spinta sul risparmio gestito e sulla bancassicurazione e prevede crediti netti alla clientela in crescita a 35,9 miliardi, volumi di risparmio gestito e assicurativo a 13,8 miliardi, in crescita media annua del 12%, e premi assicurativi in crescita medie dell'11%.

"Con la fondazione avvenuta a Sondrio nel 1871, siamo stati una delle prime banche popolari del Paese. La nostra vocazione è crescere", ha detto l'amministratore delegato, Mario Alberto Pedranzini. "Crescere assieme ai nostri clienti, con i nostri dipendenti, oltre i confini di una tradizionale banca del territorio".

I 350 milioni di euro del capitale in eccesso della banca potrebbero essere utilizzati per eventuali operazioni di acquisizione. “Valutiamo tutte le opportunità di mercato da un punto di vista industriale. Abbiamo la nostra impostazione organizzativa, efficacia ed efficienza. Se ci sottoporranno o se cercheremo opportunità confacenti alle nostre aspettative, ci metteremo la testa e andremo a utilizzare parte di questo capitale”, ha sottolineato Pedrazzini.

Sul fronte dei requisiti patrimoniali il gruppo prevede un Cet1 ratio al 15,6% a fine 2025 e superiore al 15% in ogni anno del piano, con un liquidity coverage ratio superiore al 140%. L'obiettivo sullo stock dei crediti deteriorati è una riduzione del 7% medio annuo, da ottenere attraverso il rafforzamento della macchina operativa interna e ulteriori cessioni di crediti deteriorati per un ammontare di 580 milioni nei prossimi quattro anni.

Il gruppo punta inoltre all'evoluzione digitale della relazione con la clientela. Gli investimenti in It sono previsti in crescita a 120 milioni nel 2025, dagli 86 milioni nel 2021. I costi operativi saranno di 619 milioni a fine piano, con un cost/income ratio in calo al 51,8% al 2025.

L'ad dell'istituto ha poi sottolineato che non sono previsti piani di esubero nel nuovo piano. "La Banca Popolare di Sondrio non ha una risorsa di troppo, ognuno è un tassello importante del mosaico”. Sono anzi previste 163 nuove assunzioni a supporto delle iniziative del piano. Infine, ha aggiunto il manager il valore della partnership con Unipol nella bancassicurazione "per noi è importante". L'accordo è in scadenza e l'istituto ha attivato un tavolo di lavoro per valutarne il rinnovo.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza