cerca CERCA
Giovedì 20 Gennaio 2022
Aggiornato: 16:07
Temi caldi

Rifiuti: banchi di scuola e non solo con riciclo pannolini

09 luglio 2015 | 17.07
LETTURA: 2 minuti

Il primo impianto in provincia di Treviso

alternate text

Da rifiuto a nuova materia prima seconda. E' il sistema ideato da Fater, azienda produttrice di prodotti assorbenti per la persona, che consente di riciclare i pannolini per bambini, gli assorbenti femminili e i prodotti per l'incontinenza, trasformandoli in nuove materie prime seconde da inserire in differenti processi produttivi in grado di realizzare anche dei colorati banchi di scuola.

In particolare i pannolini usati vengono raccolti e stoccati, trattati in autoclave, un sistema rotante che grazie all'azione di vapore e senza utilizzo di agenti chimici, garantisce la perfetta sterilizzazione e la eliminazione di cattivi odori. La separazione delle frazioni riciclabili infine avviene per via meccanica.

La materia prima seconda che si ricava dal riciclo può essere impiegata per produrre cartoni per imballaggi industriali con la frazione organico-cellulosica e con la parte plastica oggetti realizzabili attraverso processi di stampaggio a iniezione, stampaggio rotazionale e filmatura. Dalle analisi di Ambiente Italia, istituto indipendente di ricerca ambientale, risulta che il sistema 100% Nuova Vita ha un bilancio carbon negative pari a -17,7 Kg di Co2 equivalenti per tonnellata di pannolini.

La soluzione prospettata da Fater elimina potenzialmente lo smaltimento dei prodotti assorbenti, ad oggi conferiti in discarica (71%) o eliminati tramite incenerimento (29%). Tale frazione di rifiuti pesa per circa il 2,5% dei rifiuti solidi urbani e ammonta a circa 900mila tonnellate annue.

Con il sistema di riciclo operativo in tutta Italia, oltre al riciclo del 2,5% dei rifiuti solidi urbani si eviterebbero 3 discariche ogni anno e 337.320 tonnellate all'anno di Co2 pari a quella catturata da oltre 33 milioni di alberi. Inoltre, la materia prima riciclata ammonterebbe a 450mila tonnellate l'anno.

A marzo 2015, Fater ha inaugurato il primo impianto di riciclo dei prodotti assorbenti per la persona (Pap) installato a Lovadina di Spresiano (Tv), presso la sede del partner tecnico Contarina. L'impianto è ora in funzione per una fase sperimentale, propedeuitica all'industrializzazione dell'impianto che avverrà nel 2016.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza