cerca CERCA
Sabato 13 Agosto 2022
Aggiornato: 13:00
Temi caldi

Bankitalia, la prima volta di Boldrini, in platea anche neo procuratore Greco

31 maggio 2016 | 16.58
LETTURA: 3 minuti

alternate text
(Adnkronos)

Una presenza ormai consueta a Palazzo Koch in occasione dell'Assemblea di Bankitalia quella del magistrato Francesco Greco, massimo esperto di reati economici, ma oggi per la prima volta in via Nazionale da procuratore capo di Milano, incarico cui l'ex pm di Mani Pulite è stato nominato ieri. Ma la prima volta piu' prestigiosa è stata quella della presidente della Camera Laura Boldrini, seduta in prima fila ad ascoltare la relazione del governatore Ignazio Visco che oggi ha riservato l'unica citazione delle sue Considerazioni finali al padre fondatore dell'Europa Altiero Spinelli.

E proprio Spinelli viene citato dalla presidente Boldrini, in elegante tailleur grigio lavanda, quando al termine della relazione viene circondata dalle telecamere per un commento: "Visco ha rilanciato la necessità di portare avanti il disegno europeo", osserva. Vicino a lei siede in platea un altro rappresentante delle istituzioni, il vicepresidente del Csm Giovanni Legnini. L'appuntamento a Palazzo Koch quest'anno è sotto il segno di alcune novità. Non si svolge oggi l'assemblea annuale dei partecipanti al capitale che si è tenuta in precedenza, ad aprile (di conseguenza non prende la parola dopo il governatore il rappresentante del principale azionista, fin qui Intesa Sp con oltre il 35%).

Con l'apertura del capitale della Banca d'Italia i soci del'istituto centrale sono passati da 60 a 101, di cui 83 sono banche che detengono il 74,63% del capitale, 5 assicurazioni con il 7,63% ma anche 9 enti previdenziali con il 17,27% e 4 fondazioni con lo 0,47%. Piu' ricca quindi la platea degli addetti ai lavori, con i rappresentanti dei nuovi soci che si sono sparsi anche nelle sale adiacenti al salone d'onore dove Visco ha letto la sua relazione, senza mai discostarsi dal testo, fino all'applauso finale.

Novità in Bankitalia ma anche tradizione: quella di vedere riuniti ad ascoltare il governatore il gotha dell'economia e della finanza italiane. Tra i banchieri c'erano l'ad e il presidente di Intesa Sp Carlo Messina e Gian Maria Gros-Pietro, l'ad di Mps Fabrizio Viola, il presidente dell'Abi, Antonio Patuelli, il presidente delle good bank Roberto Nicastro, l'ad di Bper Alessandro Vandelli. Ad ascoltare le Considerazioni finali anche una folta pattuglia di manager pubblici e privati come l'ad e la presidente di Poste Francesco Caio e Luisa Todini, la presidente di Eni Emma Marcegaglia, l'ad di Finmeccanica, Mauro Moretti, il presidente del Gruppo L'Espresso Carlo De Benedetti, il presidente di Alitalia Luca Cordero di Montezemolo, il presidente di Api Ugo Brachetti Peretti. Tra le signore sedute in platea anche l'imprenditrice Letizia Moratti e il direttore dell'Agenzia delle Entrate Rossella Orlandi.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza