cerca CERCA
Sabato 13 Agosto 2022
Aggiornato: 13:00
Temi caldi

Bankitalia: tra 'giovani' e gotha economia, la quarta volta di Visco/Adnkronos

26 maggio 2015 | 19.33
LETTURA: 3 minuti

21 pagine con un solo extra al testo, un video per raccontare la storia dell'istituzione

alternate text

Sospesa tra presente e futuro, poggiata sulle basi di un solido passato: è la Banca d'Italia che emerge dal video proiettato oggi nel Salone dei partecipanti di palazzo Koch, prima dell'inizio delle Considerazioni finali del Governatore Ignazio Visco, per cui come di consueto si è dato appuntamento a via Nazionale il gotha economico e finanziario del paese.

Sulle prime immagini del video scorrono le parole 'Cambiamento', 'Stabilità' e 'Integrità': fotogrammi dello storico palazzo, tra biblioteche, marmi, sale riunioni e banche dati sono inframezzati da frasi dello stesso Visco e dei membri del Direttorio. A descrivere l'attività della banca centrale tuttavia non ci sono solo direttori e vicedirettori generali, ma anche alcuni giovani dipendenti a dare l'idea di una istituzione al passo con i tempi.

Il 'wall' proiettato sul megaschermo della grande sala dove Visco e il Direttorio arrivano in perfetto orario è la premessa ad una relazione contenuta, 21 pagine, dal cui testo il Governatore alla sua quarta assemblea si discosta una sola volta: quando parla della crisi greca che, spiega, "va governata" nell'interesse di tutti i paesi dell'area.

Ad ascoltare Visco come di consueto una foltissima platea di banchieri, manager e industriali le cui macchine vengono parcheggiate sulla corsia preferenziale degli autobus in via Nazionale (il parcheggio è autorizzato dal Comune). Il colpo d'occhio nel Salone dei partecipanti è quello di un larghissimo prevalere di abiti grigi e austere grisaglie; la rappresentanza femminile anche per questa edizione dell'Assemblea ordinaria dei partecipanti è contenuta ed in larga maggioranza dovuta a presidenti di società partecipate dallo Stato. .

In platea, a parte la vicepresidente del Senato Linda Lanzillotta, ci sono la presidente di Enel Patrizia Grieco, la presidente di Eni Emma Marcegaglia, la presidente di Poste Italiane Luisa Todini, la presidente Rai Anna Maria Tarantola, che di Bankitalia è stata vicedirettore generale. Come di consueto all'Assemblea sono presenti i sindacati confederali: altre due donne, Susanna Camusso e Anna Maria Furlan, guidano rispettivamente Cgil e Cisl.

Numerosi i manager pubblici e privati riuniti nel Salone dei partecipanti: dall'ad di Finmeccanica Mauro Moretti, al presidente di Alitalia Luca Cordero di Montezemolo, al presidente di Telecom Italia Giuseppe Recchi, al presidente e fondatore di Geox Mario Moretti Polegato, per citarne alcuni. Confindustria è rappresentata dal presidente Giorgio Squinzi. Come di consueto ad ascoltare le Considerazioni finali anche gli ex ministri del Tesoro: da Giulio Tremonti, che l'anno scorso non c'era, a Vittorio Grilli e Vincenzo Visco, fino a Piero Barucci e Domenico Siniscalco, assente giustificato Carlo Azeglio Ciampi.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza