cerca CERCA
Domenica 26 Giugno 2022
Aggiornato: 10:18
Temi caldi

"Barbari e criminali, lo Stato islamico non appartiene all'Islam". Al-Azhar mette in guardia i giovani

26 settembre 2014 | 16.56
LETTURA: 2 minuti

Il numero due della massima istituzione dell'Islam sunnita Abbas Shuman intervistato da Adnkronos International ricorda: "Gli spargimenti di sangue sono un grave peccato, i veri principi dell'Islam sono tolleranza e accettazione dell'altro"

alternate text

Il cosiddetto Stato islamico (Is) è un movimento che "non appartiene alla religione islamica. L'Is e le altre organizzazioni terroristiche sono gruppi barbari e criminali, contro la cui ideologia ci siamo già espressi". E' quanto afferma Abbas Shuman, il vice del gran mufti di al-Azhar, la massima istituzione dell'islam sunnita.

In un'intervista ad Aki-Adnkronos International, Schuman parla quindi dei metodi di proselitismo dell'Is, mettendo in guardia i giovani dal rischio di imbattersi sul web nei militanti del gruppo estremista. "I giovani - spiega il numero due di al-Azhar - devono mostrare saggezza e accogliere solo quelle idee che corrispondono al vero islam, rifiutando l'ideologia estremista".

"I giovani che vogliono la pace e cercano il vero islam devono allontanarsi dalla propaganda promossa da questa organizzazione che nulla ha a che vedere con il jihad, ma solo con gli spargimenti di sangue che sono un grave peccato", prosegue il religioso. Nella lotta all'Is - aggiunge Shuman - possono avere un ruolo di primo piano le comunità e i musulmani che vivono in Occidente e che si "devono impegnare per diffondere i veri principi dell'islam, che sono la tolleranza e l'accettazione dell'altro".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza