cerca CERCA
Giovedì 26 Maggio 2022
Aggiornato: 20:08
Temi caldi

Barzagli: ”Il gruppo sarà la nostra arma principale”

12 giugno 2014 | 20.07
LETTURA: 3 minuti

Il difensore della Nazionale: “Il mondiale è il massimo per un giocatore, più si avvicina la gara e più sale l’adrenalina, ma dobbiamo essere fiduciosi, stiamo lavorando tanto e tutta la squadra punta a fare qualcosa di straordinario”

alternate text
- INFOPHOTO

“Il blocco Juve facilita per le conoscenze che si hanno in campo, ma credo che è diventato subito il nostro un ottimo gruppo e sarà la nostra arma principale, ognuno si mette a disposizione e sarà questa spero la nostra forza”. Andrea Barzagli, difensore della Juve e della Nazionale, punta sul gruppo Italia per fare bene al Mondiale che prende il via in Brasile. “Sto provando forti emozioni, il mondiale è il massimo per un giocatore, più si avvicina la gara e più sale l’adrenalina, ma dobbiamo essere fiduciosi, stiamo lavorando tanto, e tutta la squadra punta a fare qualcosa di straordinario. Tutti hanno questa mentalità, poi vedremo sul campo dove arriveremo”, aggiunge il difensore azzurro.

“Nel 2006 c’erano giocatori forse con ancora più esperienza internazionale, ma la voglia è la stessa, c’è un bel gruppo, unito come nel 2006, e l’ho vissuto sulla mia pelle. Ero il quarto centrale e pensavo di non giocare un minuto e invece sono stato protagonista. Ci sarà bisogno di tutto e lo spirito sarà quello di essere coinvolti e speriamo di assomigliare molto al gruppo del 2006”, ha proseguito Barzagli. Il difensore della Juve è stato un periodo senza indossare la maglia della nazionale ma non ne ha fatto un problema. “La nazionale poteva stare benissimo senza di me, non mi sono mai reputato un fenomeno, né il più forte, ma ho avuto in questi anni un ottimo rendimento, una cosa importante per un difensore”.

Nella partita di sabato con l’Inghilterra possono essere decisive le condizioni climatiche. “Possono condizionare ma non ci sarà l’idea di accontentarsi da parte delle due squadre. Tutte e due cercheranno di vincere, il clima di Manaus non lo abbiamo ancora provato e lo vedremo da domani in allenamento. Il caldo, comunque, condizionerà chiunque. Noi ci siamo preparati abbastanza bene con la ‘Manaus a Coverciano’, è normale che le condizioni siano difficili, ma a questi livelli se vuoi giocare devi essere pronto a tutto, e le difficoltà le troveremo sia noi che loro”, prosegue Barzagli che è in buone condizioni. “C’è stato un periodo dove ero abbastanza preoccupato, ho avuto diversi problemi quest’anno, è la prima volta che mi capita, ma ora sto bene e sono contento delle mie condizioni”.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza