cerca CERCA
Lunedì 25 Gennaio 2021
Aggiornato: 01:23

Beirut, creata commissione inchiesta: "4 giorni per la verità"

06 agosto 2020 | 12.01
LETTURA: 1 minuti

Il ministro degli Esteri: "Colpevoli di grave negligenza saranno puniti"

alternate text
Foto Fotogramma
Beirut, 6 ago. (Adnkronos)

"Quattro giorni". E' il tempo ufficialmente concesso dalle autorità libanesi alla "commissione d'inchiesta" istituita dopo la devastante esplosione di martedì a Beirut. "Si è deciso di creare una commissione d'inchiesta che ha quattro giorni al massimo per consegnare un rapporto dettagliato sulle responsabilità", ha detto il neo ministro degli Esteri libanese, Charbel Wehbé. Ai microfoni di Europe 1 ha ripetuto che si è trattato di un "incidente".

"Il rapporto iniziale indica che si è trattato di cattiva gestione di prodotti estremamente esplosivi", ha aggiunto, insistendo sulla "molto grave negligenza" che si è protratta nel corso degli anni. "Chi sarà ritenuto colpevole - ha detto il ministro, ex consigliere diplomatico del presidente Michel Aoun - responsabile di questo crimine di negligenza sarà punito".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
L´ informazione continua con la newsletter

Vuoi restare informato? Iscriviti a e-news, la newsletter di Adnkronos inviata ogni giorno, dal lunedì al venerdì, con le più importanti notizie della giornata

Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza