cerca CERCA
Domenica 22 Maggio 2022
Aggiornato: 16:43
Temi caldi

Bellezza: il ritocco 2.0, dal 'policonsumo' al lifting precoce e di coppia

09 maggio 2014 | 14.02
LETTURA: 3 minuti

Milano, 9 mag. (Adnkronos Salute) - "Buongiorno dottore. Ho letto su Internet che c'è un nuovo intervento, lo voglio anch'io". Suona così la domanda che perseguita il chirurgo estetico nell'era digitale, con la super-informazione che in Rete viaggia sempre più veloce, si automoltiplica e ci rincorre su tablet e smartphone. "Oggi l'errore di fondo è venire da noi come si va in un negozio per comprare una borsa: magari quella che hai in mente nel tuo caso è un pugno in un occhio". Paolo Santanché, chirurgo plastico, riassume con una metafora il ritocco di bellezza '2.0'.

"Il nuovo paziente - spiega all'Adnkronos Salute - chiede sostanzialmente di tutto". Dedito al 'policonsumo', ma con la pretesa del "risultato naturale: vedere il miglioramento, non l'intervento". Escono allo scoperto gli uomini, "saliti al 20% del totale e in crescita costante". Ed è boom per il lifting: sempre più precoce, spesso 'di coppia'. "Moglie e marito vengono insieme e si regalano un ringiovanimento per due".

Santanché - co-conduttore della trasmissione 'Bellessere' in onda su Class Tv - rivendica "l'aspetto medico della chirurgia estetica contro quello commerciale. Il fine ultimo è curare", perché se è vero che "l'inestetismo non è una malattia, lo è il disagio che provoca. Per prima cosa il chirurgo deve sintonizzarsi sulla lunghezza d'onda del paziente per capire cosa chiede e perché, quali sono le sue aspettative, spesso sbagliate, e per guidarlo all'intervento più adatto". Vietate le "scorciatoie", tentazione di molti operatori del settore "un po' per compiacere il paziente, un po' per mascherare una scarsa manualità". Ma la corsa alle tecniche 'low-cost' non passa di moda, anzi. E così, "nella casistica di un chirurgo di buon livello - testimonia l'esperto - oggi il paziente intatto", la 'pagina bianca', "è una specie in via di estinzione. Più o meno tutti hanno già fatto qualcosa e gli interventi riparativi sono intorno al 40%. Risultato: maggiori costi invece che risparmi, più disagi e a volte errori difficili da cancellare". (segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza