cerca CERCA
Giovedì 30 Giugno 2022
Aggiornato: 21:07
Temi caldi

Beni culturali: Bray, valorizzare Certosa Pavia in vista di Expo 2015

09 febbraio 2014 | 18.02
LETTURA: 2 minuti

"Restituire centralità alla Certosa di #Pavia, un gioiello della cultura italiana a pochi km da @Expo2015Milano". Lo ha twittato nel pomeriggio il ministro dei Beni Culturali, Massimo Bray, assicurando in un altro 'cinguettio' di essere "già al lavoro per valorizzare la Certosa di #Pavia fin dall'avvio del semestre italiano di presidenza UE e in vista di #Expo2015".

La Certosa di Pavia, iol cui nome vero è Gratiarum Carthusia cioè Certosa delle Grazie, è un complesso monumentale storico che comprende un monastero e un santuario, a metà strada tra Milano e Pavia. Edificata per volere di Gian Galeazzo Visconti, signore di Milano, alla fine del XIV secolo, come ex voto, e completat quasi due secoli più tardi, la Certosa comprende rilevanti esempi di diversi stili architettonici, dal tardo-gotico italiano al rinascimentale, con contributi architetturali e artistici di diversi maestri del tempo, da Bernardo da Venezia, il suo progettista originario, a Giovanni Solari e suo figlio Guiniforte, da Giovanni Antonio Amadeo a Cristoforo Lombardo.

Affidato prima alla comunità certosina, poi quella cistercense e, per un breve periodo, anche aquella benedettina, dopo l'unificazione del Regno d'Italia il complesso fu dichiarato nel 1866 monumento nazionale e acquisita tra le proprietà del demanio dello Stato italiano, così come tutti i beni artistici ed ecclesiastici in essa contenuti; dal 1968 ospita una piccola comunità monastica cistercense; al suo interno si trova il Museo dedicato alla certosa stessa.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza