cerca CERCA
Giovedì 02 Dicembre 2021
Aggiornato: 00:10
Temi caldi

Beni culturali: Franceschini, dobbiamo aprire ai privati

22 marzo 2014 | 10.33
LETTURA: 2 minuti

"Dobbiamo aprire ai privati. Sia nella forma del mecenatismo sia in quella della sponsorizzazione. Prendiamo Ercolano, che è a pochi chilometri da Pompei. La convenzione con la Packard ha creato un modello di integrazione pubblico privato che ha avuto un grande successo. Sto lavorando perché diventi una convenzione tipo". Lo afferma il ministro per i Beni culturali e il Turismo, Dario Franceschini, in un'intervista al 'Corriere della Sera'.

"Individueremo - prosegue Franceschini - venti siti, piccoli, medi e grandi e chiederò a venti aziende , italiane e straniere, di farsene carico con un atto di liberalità, secondo le linee sperimentate dalla convenzione Ercolano. Non credo proprio che rifiuteranno". Quanto poi alla situazione di Pompei, il titolare di via del Collegio Romano spiega: "A Pompei vengono al pettine nodi irrisolti da decenni. Il mio predecessore Bray ha fatto due nomine che condivido: il generale Nistri e il sovrintendente Osanna. Vedremo di spendere bene i fondi europei, sapendo che su Pompei sono puntati i riflettori di tutto il mondo, con il rischio anche di esagerazioni: l'altro giorno è stato scoperto il cedimento di un tetto di calcestruzzo costruito negli anni '80, e pure questo rischia di diventare uno scandalo".

Per quanto riguarda il turismo, Franceschini aggiunge infine che "digitalizzeremo l'offerta: l'80 per cento delle prenotazioni si fa online; siamo in grave ritardo. Lavoreremo di più con la Cina, l'India, il Brasile e gli altri Paesi emergenti".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza