cerca CERCA
Mercoledì 16 Giugno 2021
Aggiornato: 00:09
Temi caldi

Cisl: Bentivogli confermato segretario generale Fim

12 giugno 2017 | 10.20
LETTURA: 2 minuti

alternate text

Marco Bentivogli, 47 anni, confermato alla guida della segreteria dei metalmeccanici della Cisl con il 97% dei voti. Si sono chiusi, a Roma i lavori del XIX Congresso della Fim. Una tre giorni ricca di appuntamenti, in cui sono stati affrontati diversi temi. Tra gli appuntamenti di rilievo: la tavola rotonda 'Le sfide rigenerative del sindacato delle nuove generazioni', con la partecipazione di Alessandro Rosina, Fabiano Longoni, Leonardo Becchetti, Peppe Pagano; 'Il Lavoro 4.0', con il ministro allo Sviluppo Economico, Carlo Calenda, Francesco Seghezzi e Marco Bentivogli. Importante il contributo offerto dagli ospiti del sindacato internazionale, Valter Sanches (IndustriAll Global Union) e Luc Triangle (IndustriAll Europe Union). Diversi gli spunti emersi durante il ricco dibattito dei delegati, nonché del report 'Position paper Fim' su formazione professionale e della ricerca sulle pensioni realizzata dal Network Giovani della Fim.

Lavori congressuali iniziati con l'orchestra della 'Sanitansamble' e con i saluti del direttore della Caritas di Roma, Don Enrico Feroci. "Il 19mo congresso della Fim - riferisce una nota - si è aperto nel segno della speranza, contro le cassandre che ogni giorno ci propinano una visione del futuro sempre peggiore. C'è invece la necessità di guardare con speranza al futuro e al cambiamento, un cambiamento che deve trovare spazio e rinnovamento anche nel sindacato a partire dalla necessità di partecipazione e inclusione dei giovani: il sindacato deve tornare ad essere il luogo dove poter esprimere le migliori aspettative dei giovani".

"Populismo e disinformazione - avverte - erodono la democrazia, il sindacato non può stare a guardare deve tornare ad essere soggetto educatore. La tecnologia e i cambiamenti in atto nel lavoro aprono molte opportunità, per liberarci non del lavoro, ma nel lavoro, il cambiamento va affrontato e umanizzato non combattuto. L'Europa, l'euro, la globalizzazione e la tecnologia hanno fatto meglio al lavoro, rispetto ai tanti soldi, anche pubblici, spesi male".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza