cerca CERCA
Mercoledì 03 Marzo 2021
Aggiornato: 19:39
Temi caldi

Berlusconi: "Lega ha lanciato opa su Fi ma ha fallito"

22 settembre 2019 | 16.15
LETTURA: 4 minuti

l leader di Forza Italia interviene alla manifestazione organizzata da Antonio Tajani a Viterbo: "Fuori da Fi chi guarda a Renzi o a governo Conte"

alternate text
(Fotogramma)
Viterbo, 22 set. (Adnkronos)

"Ai nostri alleati della Lega dico che noi siamo profondamente diversi da loro. Combattiamo insieme la battaglia del centrodestra per cambiare l’Italia ma la nostra non è la battaglia sovranista". Lo afferma Silvio Berlusconi, intervenendo telefonicamente alla manifestazione di Fi organizzata da Antonio Tajani a Viterbo.

Rimasto bloccato in aeroporto a causa del maltempo, il Cavaliere lancia un chiaro messaggio al leader del Carroccio: "Apprezzo Salvini ma il suo stile non è il nostro e i suoi contenuti non sono i nostri. La Lega ha pensato di lanciare un’opa su Forza Italia ma devo dire che questa opa e già fallita".

"Questo per quanto riguarda parlamentari ed eletti coerenti e leali. Poi se qualcuno se ne è andato, questo ci ha aiutato a fare chiarezza. Certo fa più rumore un albero che cade che una foresta che cresce. Ma lo ripeto Fi è sana ed integra ed impegnata a rilanciarsi", dice Berlusconi che assicura: "Se qualcuno guardasse al governo Conte o magari a Matteo Renzi si porrebbe fuori o lontano da Forza Italia".

Per Berlusconi "dalla crisi dell’Italia, lunga e drammatica che si trascina da quasi un decennio, io sono convinto che non si esce né con il sovranismo né con lo statalismo assistenziale che invece aggrava i problemi di fondo". Con il governo Lega-5S, puntualizza, "siamo tornati all’assistenzialismo improduttivo e al blocco totale delle infrastrutture. Tutto questo in cambio delle mani libere della Lega sull’immigrazione, comunque incapace di trovare soluzioni concrete". "I nostri alleati della Lega - aggiunge - hanno consentito ai M5S nei 14 mesi di alleanza di caratterizzare la politica economica e lo sviluppo del Paese sulla base delle idee grilline che sono al contempo ingenue e pericolose".

Ma la polemica con la Lega continua: "Fi non fa parte del centrodestra. Fi è il centrodestra. Perché lo abbiamo inventato noi e perché senza di noi sarebbe qualcosa di molto diverso. Senza noi ci sarebbe una destra destra senza numeri per vincere ed andare al governo e se ci andasse non sarebbe comunque capace di governare". "Il centrodestra va rilanciato e ricostruito. Nel futuro abbiamo importanti sfide da vincere. Per questo abbiamo proposto un tavolo permanente tra i nostri gruppi parlamentari", ripete Berlusconi .

"Noi - aggiunge- crediamo nella democrazia è nel diritto alla libertà dal quale discendono tutti i nostri diritti che ci appartengono per natura e non ci vengono concessi dallo stato che li deve tutelare e garantire". "Se i nostri diritti ci venissero concessi dallo Stato, questi diritti potrebbero essere ridotti o addirittura calpestati. Questa è la grande differenza tra noi e la sinistra che ci rende inconciliabili con loro", afferma il Cavaliere, per il quale solo Forza Italia può battersi per i valori che potranno traghettare il Paese fuori dalla crisi perché "noi siamo i continuatori, i testimoni, i garanti della tradizione liberale democratica cristiana garantista della civiltà occidentale e dei suoi principi"

Da qui una stoccata a Renzi: "Non esiste in Italia una sinistra liberale e non credo che Renzi sappia crearla. Se anche Renzi o qualcun altro riuscisse in questa difficile impresa - spiega - questo riguarderebbe comunque l’altra metà del terreno di gioco. Il centrosinistra".

Per quanto riguarda le presunte divisioni di partito, Berlusconi sostiene che "sono solo pettegolezzi e falsità". "Voglio fare chiarezza una volta per tutte - afferma - Fi siamo noi, siete voi, ci sono tantissimi azzurri che si impegnano ogni giorno. Sono persone libere e consapevoli. Che discutono e si incontrano come si fa in un partito libero e liberale". "Con forza voglio dire ai nostri alleati ed avversari: Fi è compatta e unita. Nessuno tra - afferma - noi mette in discussione il nostro compito storico la nostra funzione essenziale in Italia".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
L´ informazione continua con la newsletter

Vuoi restare informato? Iscriviti a e-news, la newsletter di Adnkronos inviata ogni giorno, dal lunedì al venerdì, con le più importanti notizie della giornata

Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza