cerca CERCA
Giovedì 20 Gennaio 2022
Aggiornato: 00:09
Temi caldi

Bioetica: Francia, bebé prematuro e grave, genitori chiedono stop rianimazione

16 settembre 2014 | 18.37
LETTURA: 2 minuti

Il bambino, che sarebbe dovuto nascere il 18 dicembre, è nato il 31 agosto e ha subito un'emorragia cerebrale di cui non si conoscono conseguenze. Per la coppia i sanitari stanno praticando "accanimento terapeutico"

alternate text

E' nato fortemente prematuro e i genitori hanno chiesto di fermare la rianimazione denunciando l'accanimento terapeutico dei medici. Accade in Francia dove una coppia di Saintes (dipartimento Charente-Maritime) da oltre una settimana sta portando avanti una battaglia contro l'équipe curante dell'ospedale di Poitiers che si occupa di loro figlio, e a cui chiede di bloccare le cure del neonato sottoposto a respirazione artificiale.

Il bambino, che sarebbe dovuto nascere il 18 dicembre, è invece nato il 31 agosto e ha subito un'emorragia cerebrale di cui non si conoscono conseguenze. Ma le prospettive sono comunque di un grave handicap. Da qui la richiesta dei genitori di mettere fine alla rianimazione e alla respirazione artificiale.

"I medici non possono assicurarci la sua sopravvivenza - ha detto la madre a France Info - ci dicono che non soffre, eppure si agita e piange. Non sanno di quale entità sarà il suo handicap". Per i genitori, quindi, i sanitari - che non hanno chiesto loro il consenso per la rianimazione - stanno praticando 'accanimento terapeutico'. Intanto i camici bianchi hanno chiesto un parere al collegio etico e attendono una risposta.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza