cerca CERCA
Martedì 17 Maggio 2022
Aggiornato: 20:06
Temi caldi

Operazione contro Cosa nostra nel catanese, 23 arresti

20 novembre 2014 | 08.19
LETTURA: 2 minuti

Cosche in affari anche con una società riconducibile a Matacena. Eseguiti 23 arresti. Sequestrati beni per circa 50 milioni di euro

alternate text
(Infophoto)

Sono in tutto 23 le persone arrestate e 50 i milioni di euro di beni sequestrati nell'ambito dell'operazione della Dda etnea contro 'cosa nostra'. Dall'inchiesta è emerso come proprio la mafia catanese fosse in affari con una società riconducibile ad Amedeo Matacena per la gestione dei traghetti sullo Stretto di Messina. Secondo quanto ricostruito, una società, facente capo in realtà agli Ercolano e ai fratelli Aiello, aveva stipulato con un'altra società riconducibile ad Amedeo Matacena un contratto di affitto di tre navi da utilizzare come vettori per i collegamenti tra la Sicilia e la Calabria.

L'attività si protrasse con ottimi risultati nei mesi a cavallo tra gli anni 2005 e 2006, fino a quando, per ragioni legate a scelte effettuate da un'altra società estranea alle indagini, si interruppe improvvisamente la navigazione. L'inchiesta ha riguardato l'evoluzione di Cosa Nostra subito dopo l'indagine 'Iblis' e ha confermato la vocazione imprenditoriale della 'famiglia' catanese, infiltratasi in vari settori tra cui i trasporti, per iniziativa del boss Enzo Ercolano, figlio del capomafia deceduto Giuseppe e fratello di Aldo, condannato all'ergastolo. Ercolano ha operato con la collaborazione di altri indagati.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza