cerca CERCA
Giovedì 07 Luglio 2022
Aggiornato: 15:10
Temi caldi

Blocco Kaliningrad, Russia minaccia Vilnius

21 giugno 2022 | 08.04
LETTURA: 2 minuti

"Ci saranno conseguenze, serio impatto negativo sulla popolazione lituana". Il ministero degli Esteri russo convoca il rappresentante dell'Ue a Mosca: "Rischio escalation tensione"

alternate text
Fotogramma /Ipa

La Russia minaccia Vilnius di conseguenze che avranno "un serio impatto negativo sulla popolazione lituana" a causa del blocco di Kaliningrad. In visita nella enclave sul Mar Baltico, queste le parole del segretario del Consiglio di sicurezza nazionale russo, Nikolai Patrushev: "La Russia certamente risponderà a queste azioni ostili. Si sta lavorando a misure appropriate che saranno prese nel prossimo futuro. E le conseguenze avranno un serio impatto negativo sulla popolazione lituana". Secondo Patrushev, citato da Ria Novosti, "il blocco deciso dalla Lituania, su suggerimento dei paesi occidentali, in violazione delle norme e dei principi del diritto internazionale, del transito di un gran numero di beni dimostra che non solo non ci si può fidare delle dichiarazioni a voci dell'Occidente, ma anche di quelle scritte". "Dovrebbero essere consapevoli delle conseguenze e purtroppo seguiranno conseguenze", aveva detto in riferimento alla Lituania la portavoce del ministero degli Esteri di Mosca, Maria Zakharova, in dichiarazioni al canale tv Solovyov Live rilanciate dall'agenzia russa Tass. Zakharova ha parlato di "passi inammissibili", minacciando una "risposta adeguata". Se la Russia considera come "apertamente ostili" le decisioni di altri Paesi, non ci saranno tentativi di trovare una "formula" per calmare la situazione.

Leggi anche

Intanto il ministero degli Esteri russo ha convocato oggi il rappresentante dell'Unione Europea a Mosca, Markus Ederer, per protestare sul bando deciso da Vilnius al transito delle merci sottoposte a sanzioni europee verso Kaliningrad. Il blocco porterebbe secondo Mosca a un'"escalation di tensione" e ci saranno "ritorsioni" se non sarà ripristinato "immediatamente" il normale funzionamento del transito verso l'exclave russa, ha dichiarato in una nota il ministero degli Esteri russo dopo la convocazione di Ederer, al quale è stata espressa una "forte protesta" per il blocco.

Ederer ha sollecitato una soluzione diplomatica. Ricevuto dal numero due Alexander Grushko, con il quale ha avuto un colloquio di "20 minuti", Ederer ha detto ai giornalisti di "aver avuto l'opportunità di chiarire la posizione dell'Europa sul transito delle persone, che sta funzionando normalmente, e che la Lituania non ha assunto alcuna misura unilaterale, ma sta applicando le sanzioni Ue".

"Faccio appello ai russi - ha detto il rappresentante di Bruxelles a Mosca - perché dimostri sangue freddo e non ci sia un'escalation né nelle parole né nei fatti e risolva questa disputa con mezzi diplomatici".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza