cerca CERCA
Lunedì 20 Settembre 2021
Aggiornato:
Temi caldi

Social

Blue Whale Challenge, i consigli della polizia

24 maggio 2017 | 06.56
LETTURA: 2 minuti

alternate text
Immagine d'archivio (AFP)

"A seguito delle numerose segnalazioni pervenute" e "al fine di individuare la presenza di eventuali soggetti che si dedicano ad indurre minorenni ad atti di autolesionismo e al suicidio attraverso l'uso di canali social e app", la polizia postale ha attivato una serie di interventi per contrastare il 'Blue Whale Challenge'.

Obiettivo, "intercettare fenomeni di emulazione nei quali pericolosamente possono incorrere i più giovani in Rete in preda alle mode del momento o guidati da un'improvvida fragilità, magari condivisa con un gruppo di coetanei", si legge su 'Una vita da social'.

Il profilo Facebook della polizia - contro questa "pratica che sembrerebbe provenire dalla Russia", proposta come "una sfida in cui un cosiddetto 'curatore' manipola la volontà e suggestiona i ragazzi sino ad indurli, attraverso una serie di 50 azioni pericolose (sporgersi da palazzi, cornicioni e finestre), al suicidio" - offre anche una serie di importanti consigli alle famiglie.

- PER I GENITORI

• Aumentate il dialogo sui temi della sicurezza in rete: parlate con i ragazzi di quello che i media dicono e cercate di far esprimere loro un'opinione su questo fenomeno.

• Prestate attenzione a cambiamenti repentini di rendimento scolastico, socializzazione, ritmo sonno-veglia: alcuni passi prevedono di autoinfliggersi ferite, di svegliarsi alle 4:20 del mattino per vedere video horror, ascoltare musica triste.

• Se avete il sospetto che vostro figlio frequenti spazi web sulla 'Balena Blu' ('Blue Whale') parlatene senza esprimere giudizi, senza drammatizzare né sminuire: può capitare che quello che agli adulti sembra 'roba da ragazzi' per i ragazzi sia determinante.

• Se vostro figlio/a vi racconta che c'è un compagno/a che partecipa alla sfida 'Balena Blue' ('Blue-Whale'), non esitate a comunicarlo ai genitori del ragazzo se avete un rapporto confidenziale o alla scuola se non conoscete la famiglia; se non siete in grado di identificare con certezza il ragazzo/a in pericolo, recatevi presso un ufficio di Polizia o segnalate i fatti a:

- www.commissariatodips.it

- www.facebook.com/commissariatodips

- www.facebook.com/unavitadasocial

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza