cerca CERCA
Mercoledì 19 Gennaio 2022
Aggiornato: 21:57
Temi caldi

Camera: Boldrini, io imparziale mai uscita dal mio perimetro

08 marzo 2015 | 12.42
LETTURA: 3 minuti

La presidente della Camera ribatte alle critiche del premier. "M5S mi ha chiamato 'serva', dal governo dicono che remo contro. Fare l'arbitro è difficile ma io ho le spalle larghe e vado avanti"

alternate text
Matteo Renzi e Laura Boldrini

Da presidente della Camera ho difeso le prerogative del Parlamento. Laura Boldrini, ospite di Skytg24 nel giorno delle celebrazioni della Festa della Donna, respinge nuovamente le critiche di Matteo Renzi che di fronte al richiamo della presidente dell'assemblea sull'eccesso di decreti e fiducie che piovono sulla Camera, limitando di fatto l'attività legislativa ai soli provvedimenti del Governo, si è sentita dire dal premier che era uscita dal proprio 'perimetro istituzionale'.

"Non sono assolutamente uscita dal mio perimetro -ha detto respingendo i rilievi di Renzi - l'ho detto e lo ripeto, ho difeso le prerogative della Camera, ritengo di essere rimasta nel mio perimetro. Se non lo avessi fatto, allora sì, mi avrebbero potuto criticare. Ritengo normale che ci sia una dialettica istituzionale. C'è sempre stata ma nulla di più e nulla di diverso".

Come nel calcio, fare l'arbitro, è la cosa più diffcile. "Mi sono sentita dire 'serva' dal M5S e, qualche giorno dopo, dal governo, che 'remavo contro'. Questa è la sorte di chi deve fare l'arbitro. Io lo so, ho le spalle larghe, so di svolgere il mio ruolo in modo imparziale ed è questa, forse, la ragione per la quale mi attaccano". Lo ha detto la presidente della Camera, Laura Boldrini, ospite di Maria Latella all'Intervista' su Sky tg24.

Boldrini ha nuovamente smentito che nel suo futuro immediato ci sia l'aspirazione di diventare leader di un partito di sinistra alla Syriza o Podemos. "Sono elucubrazioni che non so da dove nascano, ed è stupefacente sentire queste cose. Difendere le prerogative del Parlamento, essendo io presidente della Camera, per me è qualcosa di doveroso. Ma arrivare a dire che io voglio fare la leader di non so cosa... ma perché si dicono queste cose? Io - ha consluso - mi occupo di ciò che mi compete, perché perdere tempo a fare voli pindarici che non mi appartengono. Questo è un vizio della politica e del giornalismo".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza