cerca CERCA
Lunedì 25 Ottobre 2021
Aggiornato: 10:10
Temi caldi

Migranti

Boldrini: "Salvini alza asticella della disumanità"

30 giugno 2018 | 14.24
LETTURA: 2 minuti

alternate text
(Fotogramma) - FOTOGRAMMA

"Ieri, mentre i Paesi europei discutevano a Bruxelles su come 'difendere' i propri confini esterni, cento persone - compresi tre bambini di un anno - morivano annegati nelle acque libiche dove la Guardia Costiera di quel Paese ha dimostrato di non essere in grado di fare il soccorso in mare". Lo sottolinea la deputata di Leu, Laura Boldrini.

"E il nostro governo, quello che dice 'è finita la pacchia' mentre i cadaveri ancora galleggiano in acqua, quello che parla di 'crociere', quello della paura e della propaganda sulla vita delle persone, non è riuscito a concludere niente, dimostrando tutta la sua incompetenza sulle politiche migratorie e rimanendo isolato in Europa".

"Non è riuscito a ottenere una redistribuzione dei migranti su scala europea né la riforma del Regolamento di Dublino, l’unica misura che andrebbe incontro agli interessi italiani", prosegue l'ex presidente della Camera.

"E per gettare fumo negli occhi e nelle coscienze dei suoi elettori - continua Boldrini - Salvini ha dovuto, ancora una volta, alzare l’asticella della disumanità: si è accanito contro il bersaglio più facile, le Ong. Non consentire alle Ong neanche di fare rifornimenti nei porti italiani equivale a impedirgli di salvare vite umane".

"Io non ci sto. E se il modo di ottenere consenso politico è direttamente proporzionale alla disumanità, io lo rifiuto. Rifiuto l’idea che uno Stato basi la sua strategia di contenimento dei flussi migratori su naufragi e morti. Un voto non vale la vita di una persona. Restiamo Umani", conclude Boldrini.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza