cerca CERCA
Domenica 16 Maggio 2021
Aggiornato: 22:53
Temi caldi

Bonaccini: "Salvini ha smesso di suonare ai campanelli"

23 settembre 2020 | 14.15
LETTURA: 2 minuti

alternate text
Fotogramma

"Salvini non suona più i campanelli: è servita la lezione". Così Stefano Bonaccini, presidente dell'Emilia-Romagna, a 'L'aria che tira' su La7, commentando la campagna elettorale del leader della Lega per le ultime regionali, condotta in modo diverso da quella per le regionali dell'Emilia-Romagna vinte da Bonaccini, in cui Salvini suonò a un citofono di un palazzo del quartiere del Pilastro di Bologna, domandando se in quella casa qualcuno spacciasse.

Per il governatore, in ogni caso "il risultato delle regionali rafforza il Pd, così come la vittoria del sì al referendum e il pareggio sostanziale" nella competizione regionale "rafforza il Governo". E "sull'agenda sono d'accordo con Zingaretti, adesso mettiamo in fila le priorità, come il Mes che, insisto, va preso in considerazione anche pensando a quello che sta esplodendo nel mondo". "I decreti sicurezza vanno riformati", aggiunge quindi Bonaccini, che dice 'no' all'ipotesi di un congresso nazionale del Pd in questo momento: "Se immaginassimo di chiuderci nelle nostre stanze e nei circoli a discutere del nostro destino, invece che di quello del Paese, saremmo da ricoverare".

In questo momento - mette in chiaro - "dobbiamo tutti impegnarci in poche settimane a costruire il Recovery plan, quindi pensare a come spendere i 209 miliardi del Recovery fund per far ripartire l'Italia".

"Sul tagliando non mi permetto di parlare perché il tema se il Governo va rafforzato, se ci vuole un rimpasto, non è mio compito né mi permetto di aggiungere niente. C'è un gruppo dirigente nazionale del Pd che valuterà cosa fare", spiega ancora Bonaccini.

Quindi la risposta con battuta del governatore a Mihajlovic, allenatore del Bologna che durante le Regionali emiliane aveva appoggiato la candidata rivale Lucia Borgonzoni della Lega: "E' troppo simpatico Sinisa. Io vedo giocare il Bologna: lui per me è un bravissimo allenatore. La squadra gioca aperta, non si chiude mai, ci sono giocatori da tutto il mondo. Non sembra neanche uno di destra". Qualche giorno fa il mister, lodando la decisione di Bonaccini di riaprire gli stadi ai tifosi, aveva detto "Non sembra neanche uno di sinistra".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza