cerca CERCA
Mercoledì 08 Dicembre 2021
Aggiornato: 00:34
Temi caldi

Bonetti: "Al lavoro per congedo parentale, rete educativa e assegno figli"

26 aprile 2020 | 10.53
LETTURA: 2 minuti

Il ministro per le Pari Opportunità e la Famiglia: "Vera rete di sicurezza sono le famiglie, dobbiamo dare risposte concrete"

alternate text
(Fotogramma)

"Ci sono tre linee di azione sulle quali io personalmente come ministro sto lavorando". Così a SkyTg24 il ministro per le Pari Opportunità e la Famiglia Elena Bonetti. "La prima - spiega - è che se si apre il mondo del lavoro bisogna rinforzare lo strumento dei congedi parentali, che abbiamo già introdotto in modo straordinario nella prima fase della gestione dell’emergenza ma che ovviamente va esteso".

"Secondo strumento fondamentale - aggiunge - è quello della ricostruzione della rete educativa e comunità educante fatta di enti locali, terzo settore, associazioni e tutta la realtà dell’educazione dell’infanzia dello 0-6, che si deve ricostruire e riattivare in modo riorganizzato e nuovo ma che deve esserci a sostegno delle famiglie e anche per rispondere al diritto all’educazione che hanno i bambini". "Terzo elemento - conclude - è il sostegno economico alle famiglie, non un una tantum ma una misura, che per quanto possa essere straordinari perché è per l’anno 2020, possa avere una dimensione di stabilità, cioè un assegno mensile per i figli. Credo che siano tre direzioni fondamentali sulle quali sia necessario iniziare a prendere decisioni forti e chiare".

Bonetti ha sottolineato come "in questo momento l’ostacolo più grande che abbiamo è l’incertezza, proprio anche per attivare le energie necessarie per ripartire. Credo ormai sia evidente a tutti che la vera rete di sicurezza nel nostro Paese sono le famiglie, anche attraverso la voce, lo sguardo e il protagonismo dei bambini e delle nuove generazioni". "Dobbiamo, quindi, innanzitutto consolidare questa rete con i suoi nodi fondamentali, che sono proprio quelle relazioni che in questi mesi hanno permesso al nostro Paese di reggere - sottolinea la ministra - . Su queste dobbiamo riattivare un percorso di ricostruzione, partendo proprio dalle relazioni fondamentali di carattere educativo tra genitori e figli". "Tutte le famiglie italiane in questo momento vivono l’incertezza di come organizzarsi più che il quando si potrà ripartire. Dobbiamo quindi dare delle risposte concrete, le famiglie sono la priorità dell’azione politica del nostro Governo e adesso dobbiamo dimostrarlo", conclude Bonetti.

Il ministro ha quindi annunciato di aver "già avanzato la richiesta di poter prospettare l’apertura delle scuole dell’infanzia, della scuola 0-6 e di poter usare luoghi, anche destinati alla scuola, nei mesi estivi, perché adesso non sarebbe possibile per lo stato attuale dei numeri del contagio, per poterli utilizzare per fare attività in piccoli gruppi con tutte le regole che verranno definite". "Collaborazione con i sindaci, con il terzo settore, con le associazioni del volontariato e con tutte quelle realtà che oggi gestiscono il percorso educativo 0-6 - chiede la ministra - . Su questo investirò anche risorse del mio ministero, almeno 35 milioni, ma il tema è adesso costruire una rete organizzata ed è quello che stiamo facendo in questi giorni".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza