cerca CERCA
Mercoledì 12 Maggio 2021
Aggiornato: 10:52
Temi caldi

Bonolis al posto di D'Urso la domenica sera, voci di attriti Crippa-Mediaset

09 aprile 2021 | 18.36
LETTURA: 5 minuti

Secondo quando trapelato, a spingere l'editore a chiudere 'Live Non è l'D'Urso' non sarebbero stati solo gli ascolti non soddisfacenti, ma anche un certo disagio per il linguaggio dello show

alternate text
(Fotogramma)

Domenica 11 aprile, su Canale 5, fa il suo esordio 'Avanti un altro! Pure di sera' che prende il posto, almeno momentaneamente di 'Live Non è l'D'Urso'. Paolo Bonolis e Luca Laurenti festeggiano il decimo anniversario del game-show in prima serata con una serie di speciali che vanno nella collocazione della domenica lasciata libera da Barbara D'Urso. Ma su questo avvicendamento circolano ricostruzioni di attriti tra l'editore Piersilvio Berlusconi e il direttore generale per l'informazione Mauro Crippa.

Secondo quando trapelato nelle scorse settimane, a spingere l'editore a chiudere il serale della D'Urso non sarebbero stati solo gli ascolti non soddisfacenti, quasi sempre dietro a Rai1 ma sempre più spesso anche dietro a 'Che Tempo Che Fa' su Rai3 ma anche un certo disagio per il linguaggio dello show spesso tacciato di indulgere in scivoloni trash, sebbene abbia ospitato praticamente tutti i maggiori leader politici. La chiusura di 'Live Non è la D'Urso', che è tra le produzioni che fanno capo alla direzione di Crippa, è stata letta però da più parti come una sconfitta e una perdita di spazi di potere del direttore informazione.

Lo stesso Crippa, nell'annunciare il 26 febbraio scorso che la D'Urso avrebbe rinunciato dopo il 28 marzo al prime time domenicale aveva sottolineato che la conduttrice si sarebbe però allungata nel pomeriggio festivo: sempre dall’11 aprile, infatti, dalle 15.00 alle 17.00, debutta un nuovo spazio dedicato all’informazione e all’attualità che andrà ad arricchire 'Domenica Live', in onda quindi fino alle 18.45 con quattro ore di diretta. Nel comunicato Mediaset si sottolineava comunque che il talk serale riprenderà con le nuove edizioni. “Barbara d’Urso - affermava in quell'occasione Crippa - è capace di guardare oltre i confini del tradizionale pubblico delle news. Sa parlare un linguaggio semplice, informa e diverte le famiglie che trascorrono a casa la domenica. Sa spiegare la politica anche a chi normalmente non la segue. Barbara è una risorsa per Mediaset, una professionista che non ha mai tradito il suo pubblico".

Ma mentre Crippa elogiava Barbara D'Urso, sui social l'agente di Bonolis, Lucio Presta, sparava ad alzo zero. A più riprese. Non solo contro Barbara D'Urso ma in generale contro l'operato dei programmi affidati a Videonews, la testata giornalistica Mediaset, diretta dallo stesso Crippa, che si occupa, trasversalmente, di diversi programmi d'informazione e approfondimento giornalistico delle reti del gruppo di Cologno. Così all'inizio di aprile 2020, Presta scrive su Facebook: "Posto che l’orrore televisivo che produce ogni giorno, ogni mese, ogni anno la suora Laica in paillettes (naturalmente nulla a che fare con le Suore Laiche vere che sono esempi da seguire ) è ormai da tempo sotto gli occhi di tutti e quindi vorrei non tornare sull’argomento quello che mi domando ogni giorno è: come mai una Testata giornalistica Videonews accetta di mettere la Firma su tanto poco e tanto orrore? Conosco da molti anni gli uomini che sono a capo di quella Testata giornalistica, anzi devono a chi scrive se hanno la gestione del pomeriggio di Canale 5, da anni ormai, essendo io quello che chiese ed ottenne da Mediaset il passaggio dalla gestione Tg5 a quella di Videonews per sopraggiunte divergenze con Cdr del Tg di allora durante la conduzione Perego, e posso dimostrare che ci sono delle persone capaci che sanno fare Tv e quindi è difficile da comprendere. Si potrebbe obiettare che forse è l’Editore in persona che desidera mettere in onda questo scempio mal digerito anche dagli altri Talents delle reti Mediaset, ma conoscendo da ormai almeno 15/20 anni l’attuale board e proprietà mi sento di dire che lo trovo impossibile da accettare e da crederlo anche perché lo stile di PierSilvio è davvero altra categoria. Il mistero allora si infittisce, perché la Testata, il cdr, l’ordine dei giornalisti etc permettono ciò? Io faccio da tempo la mia parte e nessuno dei miei assistiti va ospite dalla Signora delle paillettes e la mia parte credo di averla fatta, ora che la facciano gli altri. Oppure serve a qualcosa o qualcuno che ci sia in onda questo scempio? Tacere equivale ad essere complici di tale orrore e personalmente non amo esserlo".

E ancora il 23 aprile 2020, dopo le parole di Feltri sui meridionali nel programma 'Fuori dal coro', Presta scrive su Facebook: "Ci siamo tolti ogni dubbio su Mario Giordano, anche lui è del ramo d’impresa inguardabili di VideoNews. Nessuno delle persone con le quali collaboro andranno in quel programma".

Infine, il 29 marzo, il giorno dopo la chiusura di 'Live Non è la D'Urso', Presta affonda: "Con la chiusura di L.N.È.L.D. si scrive una pagina nuova in Mediaset, inizia così la bonifica da quel hard trash (sotto testata giornalistica) che ha contaminato la rete. Ora bisogna finire il lavoro con D.L e P.5. Ed aprire una stagione di rinnovamento. Video News ci pensi bene".

Ma la cosa particolare è che qualcuno - come Dagospia - insinua che a suggerire la bordata di Presta contro D'Urso e Crippa sia stato lo stesso Piersilvio. E Dago racconta anche che Crippa, visto che la decisione di chiudere il serale della D'Urso era firmata dallo stesso Piersilvio, si sarebbe rivolto a Fedele Confalonieri. Ma questo volta il boss di Videonews si è beccato dal grande vecchio del Biscione un secco: “No, grazie, non mi interesso più di Mediaset”. Dagospia accenna anche a scenari di un cambio al vertice dell'informazione Mediaset e di possibili trattative della D'Urso con la Rai.

Cosa ci sia di vero non è dato sapere, perché nessuno dei diretti interessati al momento ha parlato. Intanto, il dato di fatto: da domenica sera su Canale 5 va in onda l'intrattenimento puro con una missione charity. Nel primo appuntamento giocheranno volti noti dello spettacolo che, suddivisi in due squadre - “GfVip vs Opinionisti” -, risponderanno alle domande per un nobile scopo. In questa occasione, infatti, il montepremi verrà devoluto al CE.R.S (www.adottaunangelo.it), Onlus che si occupa di assistenza specialistica domiciliare gratuita a bambini con gravi disabilità.

Per la squadra “GFVIP” scenderanno in campo Matilde Brandi, Patrizia De Blanck, Mario Ermito, Elisabetta Gregoraci, Francesco Oppini, Giacomo Urtis. Per gli “Opinionisti” si metteranno in gioco Alessandro Cecchi Paone, Giovanni Ciacci, Michele Cucuzza, Antonella Elia, Cristiano Malgioglio, Alba Parietti. Tra gli ospiti della serata Roberto Giacobbo e Corrado Tedeschi. Nel corso delle puntate speciali, tra le altre categorie che si affronteranno ci saranno: Nobiltà vs Tv locali, Passato vs Super, Sosia vs Virtù, A volte ritornano vs Campioni di quiz, Vizi vs Nuove frontiere, Mestieri vs Fobie, Concorsi vs Web, Cultura vs Mistero.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza