cerca CERCA
Lunedì 30 Gennaio 2023
Aggiornato: 23:59
Temi caldi

Boom dimissioni, Grossi (Uiltemp): "E' il segno che il lavoro va ripensato'

23 gennaio 2023 | 17.27
LETTURA: 1 minuti

La segretaria del sindacato degli atipici: "A fianco lavoratori per renderlo di qualità, sicuro, equo, non discriminante"

alternate text
Lucia Grossi, segretaria generale della Uiltemp

"Sono mesi che guardiamo con attenzione al fenomeno dalla great resignation, le dimissioni di massa, prima oltre oceano e da qualche tempo in Europa e da noi in Italia, che si intensificato in questa fase post-covid. In migliaia, lavoratrici e lavoratori, spesso precari, hanno deciso risolutamente di ridisegnare la loro vita quotidiana, badando più alla conciliazione tra lavoro e tempo libero, al benessere fisico e mentale, al giusto compenso. Una rivoluzione sociale, prima che del mercato del lavoro, che ci impone una riflessione: serve ripensare il lavoro, le professioni, le retribuzioni, affinché siano accettabili e non mortificanti come spesso abbiamo assistito, specialmente con il crescere della gig-economy". Così, con Adnkronos/Labitalia sul boom delle dimissioni dal lavoro in Italia nei primi 9 mesi del 2022, Lucia Grossi, segretaria generale della Uiltemp, il sindacato che organizza, rappresenta e tutela le lavoratrici e i lavoratori in somministrazione, lavoratori parasubordinati, le nuove figure professionali (lavoratori con partita Iva), i titolari di forme di autoimpiego e appartenenti a settori diversi o perché contrattualmente non ancora disciplinati.

"Con la UilTemp, oltre che ai dipendenti delle agenzie di somministrazione per i quali sono previste garanzie di un ccnl, quotidianamente siamo al fianco di autonomi, collaboratori e quanti vivono situazioni di estrema precarietà, pronti a condurre al loro fianco le battaglie necessarie per rendere il lavoro del futuro di qualità, sicuro, equo, non discriminante", conclude Grossi.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza