cerca CERCA
Lunedì 24 Gennaio 2022
Aggiornato: 18:21
Temi caldi

Manovra

Borghi contro Tria

25 luglio 2019 | 20.41
LETTURA: 2 minuti

Il commento del leghista alle dichiarazioni del ministro sulla Manovra: "Ha già deciso ma non c'è stato confronto, se non è d'accordo nessuno lo obbliga a fare il ministro"

alternate text
(Fotogramma)

"Ho ascoltato un'interessante intervista del ministro Tria dove afferma di aver già deciso il deficit per il 2020, di non aver intenzione di attuare i minibot e di aver già deciso come fare la flat tax. Tutto ciò è curioso perché sono argomenti attualmente in corso di discussione all'interno del nostro partito e non mi pare vi sia stato ad oggi un confronto approfondito su tutti questi temi". E' il presidente della Commissione Finanze della Camera, il leghista Claudio Borghi, a commentare così con l'Adnkronos, le dichiarazioni del ministro dell'Economia, Giovanni Tria a Sky Tg 24.

"Comunque le nostre sono idee e proposte e le idee spesso durano di più dei ministri o dei deputati", evidenzia Borghi. "È preciso dovere di un ministro del nostro governo tagliare le tasse, pagare i fornitori velocemente, riconoscere i crediti di imposta e rispettare il contratto di governo e gli impegni del parlamento, tutti, non solo quelli graditi. Se non si è d'accordo - sottolinea ancora Borghi - nessuno obbliga a continuare a fare il ministro".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza