cerca CERCA
Lunedì 25 Ottobre 2021
Aggiornato: 14:44
Temi caldi

Borsa, Europa debole. Spread ai minimi, a Milano frena Generali

12 marzo 2015 | 18.10
LETTURA: 4 minuti

Seduta piatta per i principali listi i del Vecchio Continente. Il differnziale tra Btp- Bund scende a quota 84 punti base segnando i minimi da settembre 2008. Il Tesoro ha assegnato tutti i 2,5 miliardi di euro di Btp a tre anni. In una seduta ricca di bilanci occhi puntati su Saipem e Salvatore Ferragamo; realizzi invece su Rcs. Ancora in rialzo il comparto bancario e le popolari ad eccezioni di Ubi banca.

alternate text
Piazza Affari

Seduta piatta per Piazza Affari e per le Borse europee dopo il nuovo strappo al rialzo di ieri. Sono i titoli di Stato oggi a tener banco: lo spread tra Btp decennali e Bund tedeschi scende a 84 punti base, segnando i minimi da settembre 2008 per poi chiudere a 89 punti base con un rendimento dell'1,13% mentre il Tesoro ha assegnato tutti i 2,5 miliardi di euro di Btp a tre anni, col tasso al nuovo minimo dello 0,15%, in discesa dallo 0,44% di febbraio. Chiusura debole per i listini finanziari di Parigi (-0,21%), Francoforte (-0,06%) e Madrid (-0,10%); in rialzo invece Londra (+0,59%) e Lisbona +0,83%.

A Milano occhi puntati su Generali che, dopo i conti, perde il 4,40% a 18,23 euro con oltre 28 milioni di pezzi scambiati. Il Leone di Trieste ha chiuso il 2014 con un utile netto di 1,67 miliardi di euro, in calo rispetto agli 1,92 miliardi dell'esercizio precedente. Tra i ribassi maggiori del listino principale anche Stm -3,41%, Gtech -2,87% e Ubi banca a 7,09 euro (-1,31%) dopo l'approvazione a Montecitorio delle norme per la trasformazione in Spa delle popolari con asset superiori a 8 mld di euro. Il resto del comparto bancario, protagonista del recente rally a Piazza Affari, si muove in territorio positivo: Bpm guadagna il 4,18%, Banco Popolare +2,60%, Unicredit +1,71% a 6,23 euro, Bper +1,40%, Mps +0,75%, Intesa Sanpaolo +0,73%.

Maglia rosa per Azimut (+4,99%) dopo i conti, bene anche Salvatore Ferragamo (+2,74%). In leggero rialzo Saipem (+0,42% a 9,60 euro), che ha sfoggiato i dati del 2014 e il nuovo piano strategico. Realizzi invece su Rcs (-7,32% a 1,19 euro) all'indomani dei conti 2014. La società editoriale ha archiviato il 2014 con una perdita dimezzata rispetto allo scorso anno: il rosso è passato da 218,5 milioni di euro a 110,8 milioni. La società da metà gennaio a ieri ha vantato un progresso di oltre il 50% dovuto all'attesa dei conti e all'ipotesi di cessione della divisione libri.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza