cerca CERCA
Giovedì 05 Agosto 2021
Aggiornato: 14:01
Temi caldi

Borsa, Ftse Mib chiude in rialzo

14 giugno 2021 | 18.08
LETTURA: 1 minuti

alternate text
(Fotogramma)

Con un rialzo nella prima seduta dell’ottava, riparte l’attacco del Ftse Mib alla soglia dei 26 mila punti. Grazie ai rialzo delle utilities (+1,33% di Terna, +1,09% di Hera, +1% di Enel) e degli energetici (+1,38% di Eni, +1,44% di Saipem e +1,46% di Tenaris), il Ftse Mib ha chiuso a 25.757,83 punti, +0,16% rispetto al dato precedente.

A spingere il comparto energetico sono i nuovi rialzi registrati dal greggio, sui massimi da 32 mesi sopra quota 73,4 dollari il barile in attesa della piena ripresa della domanda, mentre le aziende di pubblica utilità hanno capitalizzato il +9,5% annuo messo a segno a maggio dalla domanda di elettricità.

Giornata sopra la parità anche per Atlantia (+0,1%), che ha siglato l’accordo con il consorzio guidato dalla Cdp per la cessione dell’88% di Aspi. “Il Consorzio -riporta la nota diffusa dalla Cdp- avvierà un dialogo esplorativo per comprendere l’orientamento degli azionisti di minoranza di Aspi, che dispongono del diritto di co-vendita, sul rimanente 11,94% della società da loro posseduto”. In scia di questa intesa, Bestinver ha alzato la valutazione da “hold” a “buy” con prezzo obiettivo che passa da 16-17 a 19-20 euro.

In rosso invece il terzetto formato da Stellantis (-1,06%), Exor (-1,11%) e Ferrari (-3,3%), con quest’ultima penalizzata, dopo la nomina del nuovo Ad, dalla bocciatura a “sell” annunciata dagli analisti di Goldman Sachs.

Lo spread Btp-Bund si è confermato sotto quota 100 a 98 punti base (+0,7%). (in collaborazione con money.it).

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza