cerca CERCA
Giovedì 22 Aprile 2021
Aggiornato: 16:42
Temi caldi

Borsa Milano chiude piatta, Nexi in evidenza

07 aprile 2021 | 18.21
LETTURA: 2 minuti

alternate text

Seduta all’insegna della cautela per le borse del Vecchio continente nel giorno della valutazione dell’Agenzia europea per i farmaci del vaccino sviluppato da AstraZeneca. L’EMA ha rilevato un collegamento tra la somministrazione del vaccino del gruppo anglo-svedese e casi “molto rari” di trombosi. Si tratta di conseguenze, ha rilevato il Comitato per la sicurezza dell'EMA, che dovrebbero essere elencate come effetti collaterali molto rari.

A Piazza Affari la performance migliore del paniere delle blue chip, che si è fermato a 24.740,73 punti (-0,08%), è stata registrata dalle azioni Nexi (+3,52%) nel giorno della discussione in Senato del cashback di Stato. Giornata positiva anche per Leonardo (+1,09%) e Atlantia (+0,54%). A spingere quest’ultima è stata la notizia dell’interessamento del gruppo spagnolo ACS per Autostrade per l’Italia.

“Stiamo analizzando Aspi e qualsiasi movimento sarebbe in accordo con il Governo italiano”, ha precisato Florentino Perez, presidente di ACS (e anche della squadra di calcio del Real Madrid). “Ci siederemo con i nostri partner italiani in Abertis e studieremo la possibilità di formare un grande gruppo autostradale europeo”.

Sul completo, perfetta parità di UniEuro: iliad Italia ha acquistato il 12% del capitale, diventando così il primo azionista della società.

Tra i titoli del risparmio gestito incrementi dell’1,54, dello 0,94 e dello 0,59 per cento per il terzetto formato da Azimut, FinecoBank e Banca Generali. Tra i bancari, UniCredit ha perso mezzo punto percentuale (-0,52%) ed Intesa Sanpaolo (-0,11%) non ha fatto registrare variazioni di rilievo. Segni meno per Moncler (-2,64%) e Campari (-0,74%).

Dal fronte titoli di Stato, questa mattina il Tesoro ha messo sul mercato due Btp a 7 e 50 anni in modalità “dual tranche”: nel caso del primo la domanda si è attestata a 66 miliardi di euro, su 7 miliardi emessi, e lo spread è stato ridotto dai 12 iniziali a 9 punti base mentre per il titolo a 50 anni, collocato per 5 miliardi, le richieste hanno superato i 64 miliardi di euro e lo spread è stato fissato a 47 punti base (da 50) sul titolo con scadenza gennaio 2051. Ed a proposito di spread, il differenziale Italia-Germania oggi si è confermato a 101 punti base. (in collaborazione con money.it).

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza