cerca CERCA
Sabato 27 Febbraio 2021
Aggiornato: 11:37
Temi caldi

Borsa Milano debole, Mediobanca svetta dopo i conti

10 febbraio 2021 | 18.27
LETTURA: 2 minuti

alternate text
(Fotogramma)
Milano, 10 feb. - (Adnkronos)

Nuova seduta all’insegna della prudenza per le borse europee, in calo nella seconda parte in scia dell’avvio negativo di Wall Street. A Piazza Affari, dove il Ftse Mib ha terminato con un -0,15% a 23.264,68 punti, spicca il +3% di Mediobanca dopo la presentazione dei conti. L'istituto di Piazzetta Cuccia, le cui azioni hanno fatto registrare la performance migliore sul listino delle blue chip, ha chiuso il secondo trimestre con un utile netto di 211 milioni di euro, in aumento rispetto ai 197 milioni di 12 mesi fa e sopra i 150 milioni stimati dagli analisti.

Ha alzato il velo sui numeri trimestrali anche il Monte dei Paschi di Siena (-5,8%) che ha terminato l’esercizio 2020 con un’ultima riga di conto economico in rosso per 1,7 miliardi di euro. Domani conosceremo anche i conti di UniCredit (+0,82%).

Secondo quanto riportato dal Corriere della Sera, potremmo assistere ad un’aggregazione a tre tra la banca di Piazza Gae Aulenti, MPS (-5,8%) e Banco BPM (-0,05%). Nell’operazione potrebbe essere coinvolta anche Anima (-2%). Tra le performance peggiori del paniere principale troviamo quelle di STMicroelectronics (-2,66%), Stellantis (-1,51%) e Pirelli (-0,81%).

Nuovo segno meno per lo spread Btp-Bund, sceso di oltre 2 punti percentuali a 93 punti base. Per quanto riguarda i titoli di Stato, questa mattina il Tesoro ha collocato Bot a un anno per 7 miliardi di euro al -0,454%, 2 punti base in più rispetto all'asta precedente.

Nuova seduta di guadagni per il petrolio Brent (il future con consegna aprile sale dello 0,7% a 61,51 dollari al barile), sorretto nella seconda parte dall’aggiornamento relativo le scorte USA. Nella settimana al 5 febbraio, gli stock della prima economia sono scesi di 6,645 milioni di barili (il dato precedente aveva fatto segnare un rosso di 994 mila barili e gli analisti avevano stimato una contrazione di 800 mila unità).

In serata riflettori puntati sul discorso che il numero uno della Federal Reserve, Jerome Powell, terrà all'Economic Club di New York. (in collaborazione con money.it)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
L´ informazione continua con la newsletter

Vuoi restare informato? Iscriviti a e-news, la newsletter di Adnkronos inviata ogni giorno, dal lunedì al venerdì, con le più importanti notizie della giornata

Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza