cerca CERCA
Martedì 26 Ottobre 2021
Aggiornato: 20:20
Temi caldi

Borsa

Borsa, prove di sell off anche in Europa

05 febbraio 2018 | 18.51
LETTURA: 3 minuti

alternate text

Prove di sell off anche in Europa, dopo quello di venerdì a Wall Street. Le Borse europee chiudono in deciso ribasso con Milano in coda (-1,64%), e non bastano le parole di Mario Draghi sui tassi a placare il vento ribassista che si è abbattuto sugli indici.

"Ci aspettiamo che i nostri tassi di interesse rimangano ai livelli attuali per un periodo esteso di tempo e ben oltre l'orizzonte dei nostri acquisti di titoli", ha detto il presidente della Bce. E' proprio uno scenario diverso da questo che preoccupa gli investitori e scatena le vendite, ovvero l'idea che ci siano nuovi rialzi dei tassi a livello globale a causa di un aumento dell'inflazione più repentino del previsto.

Da qualche seduta, i mercati si stanno riallineando a queste prospettive e dopo il forte ribasso di venerdì scorso - Ws ha perso a fine seduta oltre il 2,6% - il Dow Jones oggi è di nuovo in calo e cede lo 0,9%. Più incerto il Nasdaq che, superata la parità, è tornato a cedere lo 0,2%.

Già in rosso dall'avvio, i listini europei peggiorano nel pomeriggio e terminano la seduta sui minimi di giornata: Milano chiude 22.821 punti (-1,64%), Londra a 7.334 punti (-1,46%), Parigi a 5.285 (-1,48%) e Francoforte a 12.687 (-0,76%).

Leonardo è maglia nera del paniere del Ftse Mib: perde il 4,56% a 9,16 euro. Le vendite si concentrano su Fca (-3,6%) e sulle banche. Banco Bpm cede il 3,56%, Bper il 2,7% e Unicredit il 2,11%. Giù anche Atlantia (-2,59%) e Telecom (-2,4%).

Chi si salva dallo storno dei mercati è Creval, in rialzo sull'All Share del 5% a 11,17 euro dopo i conti dell'esercizio, dove spicca il buon andamento del quarto trimestre, con 211,8 mln di risultato operativo, in linea con gli obiettivi di recupero della profittabilità del piano. Tra i pochi titoli in rialzo del Ftse Mib da segnalare St, Unipolsai e Brembo.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza