cerca CERCA
Mercoledì 27 Ottobre 2021
Aggiornato: 19:08
Temi caldi

Borsa

Ipotesi voto bis affossa Piazza Affari

08 maggio 2018 | 18.14
LETTURA: 2 minuti

alternate text
(Fotogramma)

L'ipotesi di nuove elezioni in Italia affossa la Borsa di Milano. Dopo due mesi di stallo politico, e di relativa tranquillità sui mercati, i timori per una nuova prolungata fase di incertezza hanno prodotto il primo brusco ribasso sui mercati azionari.

In uno scenario di indici poco mossi in Europa, il Ftse Mib cede a fine seduta l'1,64% a 24.142 punti, risalendo leggermente dal minimo di giornata, 23.950 punti. Lo spread tra Btp e Bund tedeschi resta intorno a 130 punti base a fine seduta, ma in giornata è salito fino a 133 punti, dieci punti in più rispetto a ieri, segnale che il rischio Paese comincia a intimorire le sale operative.

A Piazza Affari, perdono sopratutto le banche, ma non solo. Le vendite si concentrano su Bper banca (-3,99%), Pop Sondrio (-3,48%)Italgas (-3,6%), Brembo (-3,5%) e Ubi banca (-3,48%).

Tra i finanziari, sono in calo Unicredit (-3,17%), Mediobanca (-2,97%), Banco Bpm (-2,89%) e Intesa SanPaolo (-0,57%), nonostante i conti con utili in crescita.

Le altre piazze europee sono in debole calo, con la questione Usa-Iran a fare da catalizzatore: Donald Trump ha deciso di ritirare gli Stati Uniti dall'accordo nucleare con l'Iran. In questo scenario, Wall Street è negativa. Il Dow Jones cede lo 0,25%, il Nasdaq lo 0,09%. Londra è piatta (-0,02%), Francoforte leggermente negativa (-0,28%) e così Parigi (-0,17%).

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza