cerca CERCA
Sabato 03 Dicembre 2022
Aggiornato: 00:07
Temi caldi

Botte e insulti: l'ospizio degli orrori

28 novembre 2017 | 08.36
LETTURA: 4 minuti

Se l'anziana signora si sporcava ripetutamente il pannolone, veniva schiaffeggiata con violenza e derisa. Se a terra c'era della saliva, l'operatrice strattonava con forza l'anziana seduta sulla sedia a rotelle, la faceva alzare e la buttava a terra facendole pulire con la faccia il pavimento, per poi vantarsene con i colleghi. O se gli anziani gridavano per le botte o i dolori, li minacciavano di legarli "come una mummia". Ecco solo alcuni dei maltrattamenti subiti dagli anziani nella casa di cura dell'orrore scoperta dai carabinieri del Comando provinciale di Trapani, guidati dal colonnello Stefano Russo, a Castellammare del Golfo.

All'alba di oggi sono stati arrestati il gestore della casa di cura e 3 dipendenti. Gli anziani subivano angherie e violenze di ogni tipo, tutte registrate dalle telecamere posizionate dai carabinieri dopo l'avvio dell'inchiesta culminata nei 4 arresti di oggi. Mesi e mesi di registrazione da cui si evincono tutte le violenze e gli abusi.

Per il gip "è difficile anche solo immaginare trattamenti più disumani e degradanti, che si spingono a forme di deprivazione sensoriale tipiche della vera e propria tortura. Difficile anche credere che degli esseri umani possano essere talmente crudeli e spietati nei confronti di altri esseri umani, per più di inermi per le precarie condizioni di salute e affidati loro per ragioni di salute". E paragona la casa di cura a "un lager". Gli inquirenti evidenziano "l'intrinseca pericolosità degli indagati che hanno agito in modo spregiudicato, violentissimo e senza soluzione di continuità, nonostante le persone anziane fossero state affidate alle loro cure dai prossimi congiunti".

Due operatori, senza sapere di essere ascoltati dalle cimici, parlando di un'anziana incontinente che continuava a sporcarsi dicono: "Come si deve fare con questa pazza? Gli si mette un tappo nel culo". E l'altro: "Io oggi non gli do da mangiare, per me può morire". In un altro caso, un'anziana si lamenta per i maltrattamenti. Ma l'operatore la prende in giro: "Stai morendo? Brucia?". E si sente l'anziana dire: "Aiutami...". E poi c'è l'operatore che a un'anziana malferma dice: "Ti pare che se cadi a terra io ti alzo? Io a terra ti lascio".

Il gip Caterina Brignone scrive nel provvedimento di arresto che gli anziani "sono insultati e costretti a vivere in un clima di brutalità, volgarità e sopraffazione. Vengono spietatamente derisi per le loro debolezze o incapacità, dovute all'età o a condizioni patologiche". E ancora: "Sono minacciati di essere buttati fuori e viene augurato loro la morte".

"In qualche caso - dice ancora il gip nell'ordinanza - gli anziani sono immotivatamente privati del cibo o dell'acqua, mentre altre volte vengono forzati a mangiare o a ingoiare più velocemente". Poi "alcuni anziani risultano presi di mira con ancor maggiore frequenza e durezza". Una donna in particolare, una novantenne che veniva "derisa, insultata, picchiata, minacciata e trattata senza alcun riguardo". La donna veniva "regolarmente legata al letto o alla sedia a rotelle e così privata di ogni libertà".

Per 'punire' gli anziani che si lamentavano o che volevano raccontare tutto ai propri congiunti, venivano lavati con l'acqua gelida. "La doccia gelata ti faccio - si sente in un'intercettazione - Così vediamo se lo capisci e lo dici". E quando una anziana continuava a sporcarsi il pannolone, uno degli operatori la minacciava.

Un carabiniere che ha trascritto le intercettazioni ha confidato all'AdnKronos: "Non sono riuscito a dormire per molte notti per le angherie e le botte subite da questi poveri anziani". La struttura è stata sequestrata e affidata a un amministratore giudiziario nominato dalla Procura di Trapani, guidata da Alfredo Morvillo che ha coordinato l'inchiesta.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza