cerca CERCA
Venerdì 14 Maggio 2021
Aggiornato: 16:39
Temi caldi

Bper Banca a Ravenna per il Festival della Cultura Creativa

26 marzo 2019 | 18.52
LETTURA: 3 minuti

alternate text

Bper Banca aderisce anche quest’anno al Festival della Cultura Creativa, indetto da Associazione Bancaria Italiana e rivolto agli studenti delle scuole primarie e secondarie. Il tema del 2019 del Festival è “Intelligenze”, tra evoluzioni naturali e tecnologiche. Tra mente ed emozioni per conoscere noi stessi e il futuro che ci circonda. Nell’ambito del progetto, la Direzione Territoriale Romagna ha ospitato nella mattinata di oggi, nei locali di Via Guerrini a Ravenna, gli studenti della Prima elementare della Scuola “F. Mordani ” e della Quarta elementare della Scuola “R. Ricci”.

Nel corso dell’evento, coordinato dall’Associazione “Aruna” Arte Uomo Natura di Conventello e da “La Cuciria” Sartoria Creativa ed Emotiva di Mezzano, i bambini hanno scoperto un percorso ispirato ai viaggi e alle avventure reali o metaforiche, che gli individui di ogni età sono chiamati a compiere per conoscere se stessi e muovere passi nel mondo sempre più sensibili e consapevoli.

Gli spunti evocativi di questa edizione sono stati riassunti nella figura poliedrica dell’architetto austriaco Friedensreich Hundertwasser per la sua straordinaria capacità di toccare con la poesia della sua arte tutti i punti chiave del progetto. Artista poliedrico, precursore di tutti i movimenti ambientalisti, fu il primo a rendere vive le sue idee in azioni concrete, speso controcorrente, che oggi sono diventate la base di tante campagne a favore della salvaguardia ambientale.

La sua arte e la sua straordinaria capacità di fornirci strumenti utili per aiutare i giovani cittadini di domani a ragionare con la propria testa senza seguire le mode del momento è uno stimolo continuo che ci permette di toccare nel profondo le emotività individuali e trasformarle in visioni collettive che, partendo dall’osservazione di punti di vista differenti, a volte mai esaminati, offrono a chi interagisce la possibilità di trovare soluzioni diverse nella consapevolezza che un mondo migliore è possibile partendo dal nostro piccolo, attraverso la contaminazione, così come era in grado di fare lui, costruendo architetture concepite come vere opere d’arte “poetiche” immerse nella natura che tanto ha amato.

La giornata, iniziata con una introduzione tramite videoproiezione sull’artista Hundertwasser, si è poi sviluppata nell’elaborazione di un manufatto artistico realizzato con materiali di recupero. I bambini, divisi in gruppi, sono stati guidati nella realizzazione di una rielaborazione visiva dei contenuti appresi durante la video. Partendo dalle singole opere individuali realizzate, si è proseguito componendo un assemblaggio collettivo che ha dato modo di sperimentare dal vivo la potenza di un’opera condivisa, a suggestione di una citazione cara all’artista austriaco: “se un uomo sogna da solo è solo un sogno, se si sogna in tanti è la realtà che comincia”.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza