cerca CERCA
Martedì 05 Luglio 2022
Aggiornato: 11:37
Temi caldi

Bper si trasforma in Spa. Vandelli: "Restiamo vicini a imprese e famiglie"

16 aprile 2016 | 21.38
LETTURA: 3 minuti

alternate text
Alessandro Vandelli, ad di Bper

L'assemblea della Banca Popolare dell'Emilia Romagna decreta la trasformazione da cooperativa a Spa dopo 150 anni di storia. "Ahimè ero affezionato alla forma cooperativa. E’ un 'ahimè' che mi è scappato e che nasce sicuramente dalla stanchezza del percorso che stiamo facendo che prelude a un cambiamento significativo. Faremo un grande sforzo per tenere attivo il legame e il rapporto con piccoli soci ma ovviamente conterà anche il numero delle azioni", dice l'amministratore delegato Alessandro Vandelli.

"Nessuno, c’è comunque da dire, si aspettava un cambiamento così radicale in momento storico così difficile. Sono sicuro che non cambierà il rapporto con i nostri soci, anche piccoli. Ci vuole impegno da parte di entrambe le parti", dice durante l'incontro alla Fiera di Modena, presenti 3.904 soci. Riguardo al rapporto con il territorio, Vandelli rassicura gli animi. "Mi riesce difficile pensare che non si riesca a mantenere un legame con l’Emilia-Romagna perché è un qualcosa che rientra nel nostro dna, costruito in 150 anni, e non sarà la trasformazione in spa a farci cambiare dna. La nostra attività si è sempre sviluppata attraverso la vicinanza a famiglie e imprese e anzi, speriamo di potergli essere sempre più vicino con nuovi servizi".

L'amministratore delegato interviene anche sul tema sofferenze. "Si è parlato di sofferenze della Bper del 25%, in realtà le sofferenze nette sono del 6,7% ed è quindi forte il nostro impegno per presidiare la situazione. La nostra eccedenza patrimoniale è di un miliardo al di sotto dei limiti imposti dalla Bce e conferma la nostra solidità. Sarà senz’altro importante, in ogni caso, trovare soluzioni possibili di efficientamento".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza