cerca CERCA
Sabato 27 Febbraio 2021
Aggiornato: 14:22
Temi caldi

Lavoro: Bracco, solidarietà e integrazione ingredienti Modello Milano

04 novembre 2016 | 16.27
LETTURA: 3 minuti

alternate text
Milano, 4 nov. (AdnKronos)

"Solidarietà e integrazione sono ingredienti fondamentali del Modello Milano". Lo ha detto Diana Bracco, presidente e ad dell'omonimo gruppo farmaceutico, intervenendo oggi all’evento Elle Active organizzato dalla rivista Elle a Milano. Bracco ha portato ad esempio l'iniziativa 'Oltre i margini' lanciata dalla Fondazione Bracco, dal Cesvi e da La Rotonda, associazione guidata da Don Paolo Steffano, a Baranzate, comune della periferia milanese che ha il 30% della popolazione totale non italiana con 72 diverse etnie e che nel 2015 ha registrato il record nazionale di nati stranieri (64%).

Lì è stato promosso il progetto 'Oltre i margini' che offre servizi sanitari e nuove opportunità di inserimento lavorativo. Con un’attenzione prioritaria a donne e bambini, allo scopo di favorire l’integrazione e l’inclusione sociale. Una delle attività riguarda la sartori, che è un tale successo che "l'amica Lella Curiel (stilista di alta moda, n.d.r) si è interessata e ha regalato alla sartoria una quantità importante dei suoi pizzi e delle sue rifiniture. Ora vedremo come le donne le sapranno utilizzare".

Insomma un esempio per chiarire che "se non si interviene sul tessuto sociale i problemi nelle nostre periferie possono degenerare in modo drammatico, come testimonia la storia recente di tante metropoli europee. Di fronte al fenomeno migratorio, che impatta pesantemente sulla vita, sulla coesione sociale e sulla sicurezza delle città, tutti devono fare la loro parte per accogliere e per favorire l’integrazione pur nell’indispensabile rispetto delle regole. Infatti, come ci ha autorevolmente ricordato Papa Francesco, nessuno può voltare la testa dall’altra parte”.

“La cultura del valore del lavoro caratterizza" la città di Milano aggiunge Bracco, evidenziando che "qui il lavoro ha sempre favorito l’integrazione di chi ha voglia di impegnarsi con serietà e dedizione. Certo anche grazie alle politiche a sostegno delle donne messe in campo dalle Istituzioni e dalle imprese milanesi".

Il presidente del gruppo Bracco ha anche voluto ricordare come nel gruppo farmaceutico sia stato sempre "valorizzato il lavoro femminile: le donne rappresentano oltre il 47% del personale, e di queste il 27% occupa ruoli dirigenziali. Particolarmente interessante il dato che riguarda i laboratori: da noi le donne che lavorano nella Ricerca e Sviluppo sono quasi il 50%, in un ambito, quello tecnico-scientifico, dove la presenza femminile in genere è poco diffusa".

E tutto questo è stato fatto "sviluppando da anni una politica volta non solo a garantire le pari opportunità nei percorsi professionali, ma anche a mettere la donna in condizione di conciliare esigenze professionali e personali, attraverso part-time di un anno al rientro dalla maternità e in situazioni di difficoltà legate a figli o genitori anziani da assistere e grazie a un ricco e articolato sistema di welfare aziendale per i dipendenti”.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
L´ informazione continua con la newsletter

Vuoi restare informato? Iscriviti a e-news, la newsletter di Adnkronos inviata ogni giorno, dal lunedì al venerdì, con le più importanti notizie della giornata

Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza