cerca CERCA
Martedì 19 Ottobre 2021
Aggiornato: 11:04
Temi caldi

Brasile 2014: esperti su 'Lancet', sottovalutati rischi traumi cranici calciatori

14 luglio 2014 | 12.17
LETTURA: 2 minuti

Roma, 14 lug. (AdnKronos Salute) - Un editoriale pubblicato sulla prestigiosa rivista 'Lancet Neurology' lancia l'allarme sul rischio dei traumi concussivi cerebrali dei calciatori e sul pericolo di una sottovalutazione di queste lesioni. "Dopo un violento colpo alla testa, e la possibilità di un trauma cranico, la decisione di far tornare l'atleta in campo dovrebbe essere presa da un medico indipendente", affermano i ricercatori nell'editoriale. Durante i Mondiali di calcio, chiusi ieri con la finale tra Germania e Argentina, ci sono stati diversi incidenti di questo tipo: il difensore dell'Uruguay Alberto Pereira, ad esempio, è svenuto dopo uno scontro di gioco ma poi è tornato in campo.

La Federazione internazionale dei calciatori professionisti (FIFPro) ha chiesto da tempo un'indagine più accurata sui protocolli che riguardano proprio le concussioni. Un colpo diretto, un urto contro un altro corpo fermo od in movimento, oppure uno scossone subito a seguito di una spinta ricevuta o una brusca decelerazione del capo (colpo di frusta), sono tutti eventi che, producendo improvvisi movimenti della testa, possono causare una concussione cerebrale. "Mentre molte federazioni di altri sport riconoscono il danno potenziale che anche una lieve lesione traumatica può causare - precisano i ricercatori - nel calcio serve un maggiore impegno per ridurre la frequenza con cui si verificano questi traumi".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza