cerca CERCA
Venerdì 19 Agosto 2022
Aggiornato: 19:21
Temi caldi

Brasile 2014: guardaroba Iran e' vuoto, 'non scambiate maglie con avversari'

10 maggio 2014 | 10.42
LETTURA: 2 minuti

Teheran, 10 mag. - (Adnkronos/Dpa) - Vietato scambiare la maglia con gli avversari. I giocatori dell'Iran dovranno gestire con particolare attenzione l'equipaggiamento durante gli imminenti Mondiali di Brasile 2014 al via tra 33 giorni. Chi cede la casacca ad un rivale al fischio finale, infatti, rischia di finire nei guai. ''Non daremo ai giocatori una maglia per ogni partita. I calciatori devono essere parsimoniosi nella gestione dell'equipaggiamento'', ha detto il presidente della federcalcio di Teheran (FFI), Ali Kafashian. L'Iran è inserito nel Gruppo F del torneo con Argentina, Bosnia e Nigeria. Chi volesse tornare a Teheran con una reliquia di Leo Messi, dopo la sfida con la selezione sudamericana, dovrebbe sperare nella generosità a senso unico del fuoriclasse del Barcellona.

La dotazione del guardaroba è solo l'ultimo capitolo di una saga che va avanti da mesi. La federazione ha firmato un contratto con una compagnia tedesca, che fornisce abbigliamento e materiale tecnico. Giocatori e staff, però, si lamentano per la scarsa qualità dei prodotti. A quanto pare, il portiere di riserva Ali-Resa Haghighi ha lavato la sua maglia, una casacca XL, e dalla lavatrice ha recuperato una 'medium'.

La replica del presidente federale è stata perentoria: ''I giocatori non devono lavare i capi in acqua bollente''. All'arrivo in Brasile, almeno, la selezione iraniana potrà allenarsi regolarmente con il pallone ufficiale dei Mondiali, vietato nel campionato nazionale per motivi commerciali.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza