cerca CERCA
Sabato 23 Ottobre 2021
Aggiornato: 00:24
Temi caldi

Brindisi, rapinarono gioielleria a Parma picchiando titolari: 5 arresti

20 maggio 2014 | 13.45
LETTURA: 2 minuti

alternate text

Sono stati arrestati all'alba di stamane dagli agenti della sezione antirapina della Squadra Mobile di Brindisi, insieme ai colleghi della Squadra Mobile di Parma, Davide Pepe, 34 anni, Nicola Iurlo, 20, Vincenzo Trono, 29, e Giovanni Antico, 30, tutti pregiudicati e residenti a Brindisi, e il pregiudicato brindisino residente in Emilia, Girolamo Andrea Diodicibus, 29, con le accuse, per i primi due e il quinto di rapina aggravata e sequestro di persona in concorso e per gli altri due di furto aggravato e ricettazione di un'auto che doveva servire per un progetto criminoso a Parma mai portato a termine.

Nei loro confronti e' stata notificata un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Parma Maria Cristina Sarli su richiesta del pubblico ministero Paola Dal Monte. I fatti contestati si riferiscono allo scorso febbraio quando Iurlo, unitamente ad un altro pregiudicato brindisino, al momento sfuggito alla cattura, e a Davide Pepe, con la complicita' di Diodicibus, fecero irruzione nella gioielleria Valenti nella citta' emiliana e, sotto la minaccia delle armi, misero a segno una violenta rapina, immobilizzando e sequestrando i titolari dell'esercizio.

I malviventi, per farsi consegnare il denaro, non esitarono a malmenare selvaggiamente i titolari della gioielleria. Dopo aver portato via oro, per un valore di circa 1.000.000 di euro, i tre fuggirono non prima di essere immortalati da alcune videocamere di sorveglianza.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza