cerca CERCA
Giovedì 01 Dicembre 2022
Aggiornato: 00:11
Temi caldi

Musica: 'Buon compleanno Modugno!', il ricordo commosso di Bungaro

09 gennaio 2020 | 15.01
LETTURA: 2 minuti

alternate text

"Oggi è il compleanno di Domenico Modugno. Il più grande di tutti". Inizia così il post che il cantautore Bungaro dedica dai suoi profili social al grande artista scomparso nel 1994, che era nato il 9 gennaio 1928 e che oggi avrebbe compiuto 92 anni. "Ricordo - racconta Bungaro, che è pugliese come Modugno - che avevo 8 anni e il nonno Bungaro una mattina d’estate con grande sorpresa, mi portò a casa della zia di Modugno (si conoscevano)".

"Ero un bambino estremamente curioso e 'vivace' e vi lascio immaginare... Appena entrai in questo piccolo soggiorno, i miei occhi puntarono una chitarra appesa al muro. Andai per toccarla e la zia di Modugno mi disse: 'Non si tocca. Questa è la chitarra di mio nipote Mimmo'. Ma io la toccai. E vi giuro che in quell’istante capì cosa avrei voluto essere da grande. Due mesi dopo imbracciavo la mia prima chitarra Eko. L’ho amata perdutamente", prosegue Bungaro.

"Ogni volta che vedevo in televisione Modugno, correvo di corsa nella mia stanza, prendevo la chitarra e lo imitavo. Sono cresciuto con le sue meravigliose canzoni. E Dopo tanti anni, chi lo avrebbe detto! Il destino ci fece incontrare su un palcoscenico. Eravamo ospiti a Napoli al teatro Tenda Partenope e lo vidi per la prima volta davanti ai miei occhi, mi tremava il cuore dalla gioia. Passammo una giornata indimenticabile. Parlammo per tutto il tempo nel nostro dialetto e gli raccontai l’aneddoto di quel bambino ribelle. Lui mi sorrise e mi disse 'Tieni lu fuecu intra li uecchi'. (Hai il fuoco dentro agli occhi). Oggi nei miei concerti c’è sempre una sua canzone che canto con la mia chitarra", conclude Bungaro, che accanto al testo ha postato il video di una sua versione della 'Donna Riccia' di Modugno.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza