cerca CERCA
Domenica 24 Ottobre 2021
Aggiornato: 21:23
Temi caldi

Burioni: "Dispiace che Boldi non sia di aiuto alla comunità"

23 agosto 2020 | 13.02
LETTURA: 2 minuti

Il virologo fa l'esempio di Elvis Presley che "si fece vaccinare in diretta tv contro la poliomielite"

alternate text
Foto Fotogramma

"Ho commentato le frasi di Massimo Boldi perché è un attore molto amato dagli italiani e mi spiace quando un personaggio pubblico tanto conosciuto non approfitta dell'occasione di usare la sua influenza per aiutare la nostra comunità. Non tutti sanno che gli attori, i cantanti, gli sportivi possono fare molto per convincere la gente ad assumere comportamenti che sono utili per la salute pubblica". Lo scrive Roberto Burioni tornando sulle dichiarazioni dell'attore contro "i potenti del pianeta" che "vogliono terrorizzare il mondo" e contro le "mascherine da Pecos Bill".

In un post su facebook, il virologo fa un esempio del passato: "Nel 1956 la copertura vaccinale negli Usa contro la poliomielite balzò dallo 0,5% a oltre l'80%. Sapete quale fu uno dei motivi? Elvis Presley che si fece vaccinare in diretta televisiva", spiega Burioni, che a proposito di vaccini precisa: "Gira in rete nei siti antivaccinisti una mia dichiarazione sulla obbligatorietà relativa al vaccino contro Covid-19. E' falsa. Non ho mai detto nulla su questo vaccino che peraltro, faccio notare sommessamente, ancora non esiste".

"Evidenzio tuttavia il fatto che intorno a questo vaccino (non a torto, peraltro, visto alcune sparate che provengono da alcuni paesi) sta crescendo una grandissima diffidenza -aggiunge-. E' giusto spendere miliardi per svilupparlo, ma è sciocco non spendere neanche un euro per spiegare bene alla gente quanto un vaccino potrebbe essere importante per vincere definitivamente la battaglia contro il coronavirus".

"Peraltro -continua Burioni- da molto tempo parlo pochissimo anche di vaccini già esistenti, perché ho compreso che quando esce la notizia secondo la quale un vaccino è contaminato o causa terribili effetti collaterali la casa che lo produce sta in silenzio (tanto il vaccino è obbligatorio, l'incasso è dunque garantito e identico anche se i genitori si terrorizzano passando notti insonni) e lo stesso fanno le istituzioni che sono preposte a difendere la salute pubblica contando sul fatto che tanto ci sono io a spiegare che è falsa prendendomi insulti, minacce e diffamazioni perché altri non fanno il loro dovere".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza